Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia e Covid, i dettagli della scarcerazione di Porcino
Condannato per mafia, era nel penitenziario di Voghera

Il 63enne si trovava nella stessa struttura in cui è morto Antonio Ribecco, considerato esponente della 'Ndrangheta in Umbria. «Non era sottoposto al regime del carcere duro», spiega a MeridioNews l'avvocato. Il suo nome nell'indagine sulla morte di Attilio Manca

Dario De Luca

Foto di: Grant Durr

Foto di: Grant Durr

In passato quando già era stato sottoposto alla custodia cautelare aveva fatto entra ed esci dal carcere per una serie di patologie. Adesso, nel pieno dell'emergenza coronavirus e con una condanna sulle spalle, Angelo Porcino è tornato a casa. Sottoposto, da circa 15 giorni, a detenzione domiciliare per il rischio contagio all'interno del penitenziario di Voghera, in provincia di Pavia. La struttura ha il triste primato di avere avuto il secondo detenuto, Antonio Ribecco considerato un esponente della 'Ndrangheta in Umbria, morto in Italia per coronavirus. Prima di lui era toccato al siciliano Vincenzo Sucato, 76 anni, ma detenuto nel carcere di Bologna.

Porcino, 63 anni, è stato condannato per estorsione aggravata e associazione mafiosa perché ritenuto uno degli affiliati del clan mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto. La sua scarcerazione, così come già avvenuto nel caso del boss Ciccio La Rocca e del palermitano Francesco Bonura, ha lasciato una lunga scia di polemiche. In una situazione già rovente per le proteste nelle carceri dovute a sovraffollamento e rischio contagio. L'ultimo tassello lo ha messo il Dipartimento per l'amministrazione penitenziaria con una circolare di una pagina, inviata a tutti gli istituti il 21 marzo, per censire i detenuti over 70 - compresi quelli sottoposti al regime del 41 bis - affetti da una serie di patologie. A stretto giro in moltissimi hanno intasato le cancellerie per fare valere il diritto alla salute e le presunte incompatibilità con il regime detentivo.

«Per il mio assistito - spiega a MeridioNews l'avvocato Tino Celi, difensore di Porcino - avevo presentato istanza di scarcerazione a fine 2019. Soffre di cardiopatia e diabete». Porcino non si trovava sottoposto al regime del carcere duro. «Non c'è mai stato e per lui la Direzione distrettuale antimafia di Messina non ha mai chiesto il 41bis». Il 63enne è stato riconosciuto, fino al 2011, partecipe all'associazione mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. Motivo per cui nel 2014 è stato condannato a 8 anni, 6 mesi e 20 giorni.

Il nome di Porcino negli anni è finito affiancato a quello di un personaggio del calibro di Rosario Pio Cattafi. Avvocato di Barcellona Pozzo di Gotto ritenuto elemento d'unione tra mafia, massoneria e servizi segreti. Altra vicenda nota in cui compare, è il caso di Attilio Manca, l'urologo trovato morto a Viterbo a febbraio 2004, quando aveva 34 anni. Un decesso - archiviato dalla procura laziale nel 2018 - che la famiglia ha sempre collegato alla latitanza e a una operazione alla prostata effettuata a Bernardo Provenzano in una clinica di Marsiglia. Dopo l'iscrizione nel registro degli indagati, la posizione di Porcino è stata archiviata. Dieci giorni prima della morte dell'urologo, il 63enne, per il tramite di un cugino del medico, gli avrebbe chiesto un appuntamento.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews