Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio a Ucria, la difesa chiede la legittima difesa
«Ha sparato perché ha avuto paura per lui e il cognato»

Si terrà oggi l'udienza per la convalida del fermo di Salvatore Russo, il paternese che a Ferragosto ha ucciso a Ucria il pregiudicato Antonino Contiguglia e il nipote. Sui social è partita la campagna #iostoconSalvo

Salvatore Caruso

È prevista nella mattinata di oggi la decisione del Gip Ugo Molina del Tribunale di Patti, in merito alla convalida del fermo di Salvatore Russo, il paternese di 29 anni accusato del duplice omicidio del pregiudicato Antonino Contiguglia, 62 anni, e del nipote Fabrizio, 27 anni, nonché del tentato omicidio di Salvatore Contiguglia, 43 anni, pure lui nipote di Antonino. Delitto avvenuto a Ucria, centro messinese dei Nebrodi, dove Russo si trovava in vacanza con la famiglia per Ferragosto. 

I legali del giovane - Luigi Bellissima e Fortunato De Martino - parlano di «legittima difesa» del proprio assistito, che sin dalle battute iniziali ha collaborato con i carabinieri, indicando il luogo dove il giovane aveva buttato la pistola utilizzata nella sparatoria. Gli avvocati in sede di udienza di convalida tenutasi sabato, hanno quindi chiesto al Gip la non convalida del fermo. Tesi fortemente bocciata dalla Procura che ha sottolineato come i colpi sparati da Russo siano stati tutti ad altezza uomo e che le vittime sono state uccise con proiettili in volto.

La difesa sostiene, invece, che il 29enne paternese al momento dei fatti si sarebbe trovato sull’uscio di casa e avrebbe agito nell’istante in cui uno dei sei componenti del gruppo - capeggiato da Antonino Contiguglia e arrivato sotto la sua abitazione per una spedizione punitiva - avrebbe tirato fuori la pistola. Secondo quanto riferito da Russo durante l'interrogatorio, l'uomo stava per esplodere dei colpi di pistola proprio contro di lui.

Sentendosi in pericolo, Russo avrebbe bloccato con entrambi le mani l’uomo con la pistola, disarmandolo e iniziando a sparare. Tra l'altro proprio in tale circostanza, dicono i legali, l'indagato avrebbe riportato un ematoma a una mano. Dopo aver esploso i primi colpi, avrebbe visto il cognato in difficoltà, circondato da più uomini, e avrebbe continuato a fare fuoco.

Russo ha affermato davanti agli investigatori di non essere un esperto di armi, ma di aver frequentato circa cinque anni addietro per due o tre volte un poligono di tiro. Gli avvocati infine precisano che il cognato di Russo, Daniele Balsamo, a loro «non risulterebbe indagato», come invece riportato in precedenza.

Intanto sui social è stata lanciata la campagna #iostoconSalvo, portata avanti dai familiari del fermato, i quali invocano la legittima difesa, «Salvo - sostengono - ha agito solo per difendere se stesso e la propria famiglia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews