Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ucria, Russo ha sparato dopo aver disarmato vittime
Procura: «Tutti i colpi sono stati esplosi per uccidere»

Per i magistrati non ci sono dubbi, il macellaio originario di Paternò ha impugnato l'arma che i Contiguglia avevano portato con sé mirando ai corpi. L'uomo ha raccontato avere ricevuto la visita dei tre intenzionati a farsi giustizia dopo uno screzio

Simona Arena

«Non si è trattato di legittima difesa. Salvatore Russo ha sparato per uccidere». Non hanno dubbi il procuratore capo di Patti Angelo Cavallo e i carabinieri guidati dal capitano Marcello Pezzi e dal tenente Rocco Romeo che hanno condotto le indagini sul duplice omicidio di Antonino e Fabrizio Contiguglia, zio e nipote di 62 e 27 anni, e sul tentato omicidio di Salvatore Contiguglia avvenuto la sera di ferragosto a Ucria. 

«Le vittime sono state uccise con un unico colpo in pieno volto - commenta il procuratore Cavallo - e anche gli altri tre colpi che abbiamo trovato conficcati nel muro del vicolo dove si è svolta la colluttazione e poi la sparatoria sono stati esplosi tutti ad altezza uomo». Oggi in conferenza stampa è stato sciolto anche il mistero della pistola usata per uccidere. 

La calibro 7,65 con cui Russo ha ucciso zio e nipote e ferito il 43enne non era sua. Il 30enne di Paternò era incensurato fino a due giorni fa. È un macellaio che si era recato a Ucria per trascorrere in famiglia il 15 agosto. L'arma l’avevano portata i Contiguglia. Dovevano punire Russo per una lite per un parcheggio avvenuta alle 2 di notte in piena strada. Antonino Contiguglia era cognato del boss Iano Ferrara e aveva alle spalle una condanna di 3 anni e 8 mesi per associazione per delinquere di stampo mafioso arrivata nel processo Mare Nostrum.

I Contiguglia insieme ad altre due, forse tre persone, si sono recati davanti alla porta di Salvatore Russo e hanno cominciato a bussare invitandolo a uscire dall’appartamento. Russo, come raccontato da lui stesso ai militari dell’Arma, avrebbe provato a raggiungere la caserma dei carabinieri, ma sarebbe stato fermato dai Contiguglia. Avrebbe quindi provato a rientrare in casa ma sarebbe stato strattonato e costretto a uscire. A quel punto, sempre secondo il racconto di Russo, avrebbe notato che uno dei Contiguglia impugnava una pistola. Sarebbe riuscito a bloccare il colpo esploso frapponendo l’incavo tra il pollice e la mano tra il cane e il calcio della pistola procurandosi un’abrasione. Quindi avrebbe tolto la pistola dalle mani all’aggressore e avrebbe cominciato a sparare

Il primo colpo ha raggiunto in volto Antonino Contiguglia che è caduto a terra, il secondo ha raggiunto il nipote, quindi sempre Russo racconta di aver continuato a esplodere colpi raggiungendo il terzo Contiguglia, che è stato ferito alla scapola mentre fuggiva di spalle. A quel punto Russo ha detto di essersi rinchiuso in casa dove ha atteso l’arrivo dei carabinieri. La dinamica è ancora al vaglio dei militari dell’Arma che stanno seguendo accertamenti dattiloscopici e balistici per confermare il racconto di Russo, al momento unico testimone di quanto avvenuto nel piccolo vicolo di Ucria. 

Alle 12 è iniziato l’interrogatorio davanti al gip che deciderà se convalidare o meno il fermo. Come spiegato in conferenza stampa, Russo non aveva porto d’armi, ma aveva frequentato un poligono di tiro. Al momento oltre al 30enne di Paternò risulta indagata un’altra persona, si tratterebbe del cognato, ma non si esclude che il numero dei soggetti coinvolti possa aumentare nelle prossime ore.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews