Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, il Tar annulla ordinanza sul plastic free
Tribunale: «Rischio di creare danni ai produttori»

I giudici non si sono espressi nel merito della questione, rinviando l'esame alla prossima estate, ma nell'attesa hanno sospeso i provvedimento dei Comuni. Il ricorso è stato promosso da Federazione Gomma Plastica e Unionplast

Pamela Giacomarro

Foto di: Facebook - Insieme per Mondello

Foto di: Facebook - Insieme per Mondello

Oltre Palermo e Santa Flavia, anche Trapani. Le attività commerciali potranno presto tornare a utilizzare bicchieri e stoviglie monouso. Il Tar di Palermo ha accolto il ricorso presentato da Federazione Gomma PlasticaUnionplast contro i comuni che avevano adottato le ordinanze contro la plastica monouso. Il Tribunale amministrativo regionale non è ancora entrato nel merito della disputa ma nell'attesa di farlo ha disposto la sospensione delle misure adottate dalle amministrazioni comunali, che vietavano l’impiego di piatti, posate, bicchieri e altri articoli in materie plastiche. 

Il Tar entrerà nel merito nella prossima udienza fissata per il 2 luglio 2020. Per il momento è stato rimarcato che le ordinanze sarebbero carenti dei presupposti di necessità e urgenza e sarebbe invece alto il rischio di provocare inutilmente danni gravi alle imprese e ai loro occupati. Le aziende del comparto dei produttori di stoviglie monouso a livello nazionale sostengono che serve puntare a una migliore raccolta differenziata dei rifiuti urbani, seguita dal riciclo e dalla successiva produzione di stoviglie in plastica riciclata, anche in base a quanto sancito dal comma 802 della legge di Bilancio 2019, che prevede l’introduzione graduale di materie seconde nei normali circuiti produttivi. Tuttavia sul tema pesa anche la direttiva Ue che prevede la dismissione dell'uso nei paesi dell'Unione entro il 2021

L’industria della produzione di stoviglie in Italia è costituita da trenta aziende con oltre tremila addetti diretti e, con un fatturato di quasi un miliardo di euro, è leader in Europa. Anche se non mancano i casi, come quello rappresentato da Dacca ad Aci Catena, in cui le imprese vivono profonde crisi economiche. Intanto la Federazione Gomma Plastica non esclude di avviare lo stesso percorso nei confronti di altre amministrazioni che hanno adottato provvedimenti dello stesso tenore: in provincia di Trapani per esempio di comuni di Erice e San Vito Lo Capo, Favignana.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews