Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, truffa dello specchieto: due denunciati

Redazione

Nella giornata del 28 giugno, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Trapani, al termine di una mirata attività info-investigativa, hanno denunciato in stato di libertà, in ordine al reato di tentata truffa in concorso, D.G., agrigentino cl.86, e R.S., mazarese cl. 88, entrambi disoccupati e gravati da precedenti di polizia. 

L’indagine prendeva il via su richiesta di un privato cittadino il quale, mentre si trovava fermo a bordo della propria autovettura, veniva avvicinato da due soggetti che lo accusavano di aver urtato poco prima lo specchietto della loro autovettura. Contestualmente richiedevano, per la sostituzione dello stesso, la somma contante di euro 50, suggerendo di risolvere la situazione bonariamente senza ricorrere alle rispettive assicurazioni. 

La vittima si rendeva conto che qualcosa non andava poiché, pur udendo un leggero rumore provenire dall’esterno mentre percorreva una strada a senso unico di marcia, non riteneva verosimile quanto affermato dai due soggetti, così chiamava i Carabinieri. Giunti sul posto, i militari operanti verificavano che lo specchietto della vettura appartenente ai due soggetti denunciati si presentava vistosamente danneggiato, con la calotta di contenimento divelta e il vetro rotto all’interno, mentre lo specchietto della vettura della vittima, che avrebbe creato il danno, non presentava alcun graffio. 

Oltretutto i due uomini non erano in grado di fornire una ricostruzione chiara e dettagliata di dove si trovassero le autovetture al momento dell’impatto. Dovendo procedere ad ulteriori accertamenti i due uomini venivano invitati presso gli uffici della Sezione Operativa dove, al termine delle dovute indagini, venivano deferiti in stato di libertà. 

La truffa dello “specchietto”, è uno dei raggiri più utilizzati sulle strade per indurre gli automobilisti a pagare per un danno mai avvenuto, facendo credere le ignare vittime che la propria macchina ha involontariamente urtato il retrovisore dell’auto di chi sta mettendo in atto la truffa, mentre il rumore percepito è creato ad hoc con una pallina o dei bulloni. Se qualcuno si dovesse trovare nella situazione sopra descritta, si consiglia di chiamare subito le forze dell’ordine restando all’interno dell’abitacolo della propria autovettura.

(Fonte: carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.