Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Iscrive di nascosto la figlia a un'agenzia matrimoniale
Contratto è illegale, titolare deve restituire 730 euro

Una madre troppo apprensiva si rivolge all'attività commerciale per trovare l'anima gemella per la ragazza, ignara di tutto e peraltro anche già fidanzata. La donna si è poi accorta di essere stata raggirata e ha chiesto che il documento sottoscritto fosse annullato

Redazione

Foto di: 3dman

Foto di: 3dman

Una madre troppo apprensiva, un’agenzia matrimoniale e una figlia - peraltro fidanzata - ignara di tutto. Non sono i protagonisti di una commedia degli equivoci ma di un fatto realmente accaduto, nel 2016, in provincia di Messina. Una signora sulla sessantina, inutilmente preoccupata per la situazione relazionale della figlia, sarebbe stata convinta da un’agenzia matrimoniale a sottoscrivere un contratto all’insaputa della figlia. Adesso, una sentenza ha stabilito che quel contratto illegale andava annullato e la donna ha recuperato anche i 730 euro che aveva già versato. 

Circa tre anni fa, la donna va insieme al compagno convivente in un’agenzia matrimoniale per richiedere informazioni per la figlia, ignara del fatto che la ragazza fosse già impegnata. Confidate al titolare le proprie apprensioni e il desiderio che la figlia trovasse l'anima gemella, la donna viene convinta a sottoscrivere un contratto a nome della figlia. Senza nessuna delega e versando, immediatamente, una quota pari a 730 euro. «Possiamo fare tutto, ci pensiamo noi, è per il bene di sua figlia», si sarebbe sentita dire la donna che poco dopo si sarebbe resa conto di essere stata raggirata. Di fronte al rifiuto dell'agenzia matrimoniale di annullare il contatto sottoscritto, la donna si è rivolta alla sede di Confconsumatori di Santa Teresa di Riva

L’avvocato Carmelina Cilla di Confconsumatori, pur rilevando le ingenuità della madre, ha inteso la mala fede dell’agenzia (poi riconosciuta anche dal giudice) che non poteva proporre un contratto intestato alla figlia all’oscuro di tutto e che, una volta informata della madre ha espresso la propria contrarietà. Falliti i tentativi di soluzione bonaria, si è arrivati alla causa e alla sentenza, emessa nei giorni scorsi, del tribunale di Messina, che ha riconosciuto il diritto al rimborso della madre. L’agenzia «in assoluta malafede - si legge nella sentenza - spinta dall’interesse ad acquisire una cliente, chiaramente sprovveduta e animata da preoccupazioni inesistenti sul futuro della figlia, l’ha convinta della validità della sua sottoscrizione, priva di apposita delega o procura, e della fattibilità delle prestazioni subdole offerte dal contratto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×