Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Salemi, il giallo della sparizione di Angela Stefani
Tra sospetti sul compagno e dissidi con ex marito

Gli investigatori sono convinti che la 48enne originaria di Bologna sia stata uccisa. Le ricerche, però, finora non hanno dato alcun esito. L'unico indagato per adesso è Vincenzo Caradonna, ma le indagini potrebbero portare a novità

Pamela Giacomarro

Di lei si sono perse le tracce da un mese. Per gli investigatori, Angela Stefani di 48 anni, bolognese ma da anni residente a Salemi, è stata uccisa. Ieri le squadre dei sommozzatori dei vigili del fuoco hanno proseguito le ricerche perlustrando due pozzi in via San Martino. Nei giorni scorsi invece, erano stati ispezionati due laghetti artificiali. Della donna però al momento non c'è alcuna traccia. 

Il giallo, attorno alla sua scomparsa, con il passare dei giorni si infittisce. Le attenzioni degli investigatori si sono concentrate da subito attorno alla figura dell'attuale compagno della 48enne, Vincenzo Caradonna, ad oggi indagato dalla procura di Marsala per omicidio ed occultamento di cadavere. Il suo atteggiamento non ha mai convinto i carabinieri. È apparso da subito strano che l'uomo non avesse denunciato la scomparsa della compagna. 

A parlare della sparizione è stato invece l'ex marito Rosario Scianna che assieme ai figli Francesco e Antonino non ha mai creduto ad un allontanamento volontario. Francesco in particolare, ascoltato dai carabinieri, ha parlato di violenze da parte di Caradonna nei confronti della madre. 

Scandagliando la vita della donna però sarebbero emersi nuovi particolari che aprirebbero altri scenari. Angela Stefani aveva ereditato dal padre un casolare a Salemi, a disposizione dell'ex marito. Proprio quel casale di campagna - secondo alcune indiscrezioni - sarebbe stato al centro di alcuni dissidi tra la donna, Rosario Scianna e il figlio. Pare infatti che la 48enne l'avesse sfrattato. 

In questo momento comunque l'unico indagato rimane Vincenzo Caradonna. La sua abitazione è stata posta sotto sequestro e ispezionata dagli uomini del Ris alla ricerca di tracce biologiche che potrebbero essere utili alle indagini. Sequestrati anche due telefoni appartenuti alla donna. Frattanto, il figlio Francesco rischia una denuncia per non essersi presentato in Procura venerdì scorso nonostante la convocazione della pm Silvia Paciotti che coordina le indagini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×