Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sea Watch, servizi igienici al collasso e crolli psicologici
Salvini: «Sbarco? Solo se vanno in Olanda o in Germania»

La prefettura ha disposto l'invio di un bagno chimico sulla nave della ong ferma al largo di Siracusa per decisione del governo nazionale. Il ministro degli Interni ribadisce la linea dura. Intanto, il Pd ha depositato un esposto in procura: «Si valuti sequestro»

Simone Olivelli

Foto di: marta silvestre

Foto di: marta silvestre

I servizi igienici a bordo sono al collasso. L'undicesimo giorno in mare dei 47 migranti recuperati dalla ong Sea Watch nel Mediterraneo e da quattro fermi al largo delle coste siracusane, senza avere la possibilità di sbarcare per esplicita volontà del governo nazionale, si apre con questa notizia. A renderlo noto è la prefettura di Siracusa che, per far fronte all'emergenza, ha disposto l'invio di un bagno chimico a bordo. A confermare come la situazione sull'imbarcazione battente bandiera olandese non sia per nulla facile è la stessa ong che, da pochi minuti, ha rilanciato un tweet in cui si sottolinea che si sono registrati casi di crolli psicologici fra le persone a bordo. Sulla nave ci sono 13 minorenni per i quali la procura etnea nei giorni ha chiesto lo sbarco immediato.

Nel frattempo da Roma il ministro degli Interni, Matteo Salvini, che questa mattina ha chiesto esplicitamente al Senato di negare l'autorizzazione a procedere nell'ambito del processo chiesto dal tribunale per la vicenda Diciotti, si è detto aperto allo sbarco solo nel caso nessuno dei migranti restasse in Italia. «Sbarco degli immigrati? Solo se prenderanno la via dell'Olanda, che ha assegnato la bandiera alla Sea Watch, o della Germania, paese della Ong. In Italia abbiamo già accolto, e speso, anche troppo», ha commentato il capo del Viminale.

Sulle azioni messe in atto dal governo, il Partito democratico ha annunciato di avere depositato un esposto alla procura di Siracusa. «Procedere ad accertamenti urgenti per valutare se la procedura posta in essere dalle autorità italiane sia legittima e in linea con la normativa nazionale, comunitaria ed internazionale, o se la condotta del ministro dell'Interno volta a impedire lo sbarco dei 47 migranti sia immotivata e quindi illecita, configurando il delitto di sequestro di persona aggravato commesso anche a danno di minorenni e integrando qualsivoglia ulteriore fattispecie di reato prevista dalla legge», si legge nel documento.

L'Ong, intanto, ha fatto sapere di avere inviato una lettera alla Corte europea per i diritti umani, chiedendo se il governo italiano impedendo lo sbarco stia violando i diritti fondamentali delle persone soccorse in mare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×