Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A Centuripe un sit-in per ribadire il no alla discarica
«Chiediamo alla Soprintendenza di vincolare l'area»

La mobilitazione popolare del comitato #restiamopuliti è in programma per venerdì per le vie del centro cittadino dell'Ennese. «La miniera di Muglia - dicono i portavoce del comitato - merita di essere inserita nell'elenco dei beni culturali da tutelare»

Marta Silvestre

«Non ci fermeremo, marciamo per ogni uomo libero». È questo l'intento dei portavoce del comitato No discarica #restiamopuliti di Centuripe che hanno indetto per il 21 dicembre una seconda mobilitazione popolazione per le vie del paese dell'Ennese. Liberi cittadini, associazioni, sindacati e movimenti studenteschi prenderanno parte alla manifestazione con un corteo fino al Comune dove si terrà un sit-in dedicato ai temi del riciclo, del rispetto per l’ambiente e verrà ribadito il no alla realizzazione di una discarica in contrada Muglia, progetto presentato dalla società Oikos

Lo stesso giorno partirà anche la raccolta firme per presentare una petizione indirizzata al sindaco di Centuripe, Elio Galvagno, e al presidente della regione Sicilia, Nello Musumeci. «La petizione sarà uno strumento imprescindibile per dare maggiore peso al parere popolare ormai unanime», dicono i portavoce del comitato che hanno invitato tutti i partecipanti a indossare una tuta bianca in propilene che rappresenterà la purezza.

Dopo il successo della prima manifestazione, che ha fatto registrare oltre 1.500 presenze, il comitato ha redatto e presentato alla Sovrintendenza un fascicolo per vincolare contrada Muglia, «uno dei pochi ambienti rimasti integri e incontaminati della Sicilia perché lo spopolamento delle campagne, avvenuto nel dopoguerra, ha congelato il paesaggio. Non esistono costruzioni recenti - precisano - e tutte le strutture in pietra, oltre a essere testimoni della storia del mondo agreste siciliano sorgono su colline argillose rimandando ad ambienti tutelati come le Crete Senesi o la Val D’Orcia (in Toscana, ndr): un’armoniosa sintesi tra natura incontaminata e presenza umana». Tutta l'area del monte Pietraperciata, a fondo valle, è già mappata dalla Soprintendenza tra le aree di interesse archeologico del Comune di Centuripe.

Oltre alle abitazioni, sul territorio insistono coltivazioni di cereali, alberi da frutto e ulivi e anche gli imponenti resti di una miniera di zolfo. «Per la sua importanza nella storia mineraria della Sicilia, per le vicende umane che sono state coinvolte, per l’alto valore antropologico, culturale, sociale ed economico la miniera di Muglia merita di essere inserita nell’elenco dei beni culturali da tutelare e interessata da un progetto di recupero e valorizzazione di archeologia industriale». 

«Marciamo per il nostro futuro, per ogni uomo che crede ancora in questa Sicilia, in questa terra - concludono dal comitato - Vogliamo che le istituzioni si occupino di noi, che vengano qui a darci garanzie. Ci dispiace, ma non saremo la soluzione a un'emergenza rifiuti che dovrebbe essere trattata in modo più responsabile e con un occhio di riguardo al futuro di questo territorio».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×