Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scala dei Turchi, crollano massi sulla spiaggia
Chiusa al pubblico. «Va messa in sicurezza»

Da alcuni giorni una delle spiagge più bella e famose della Sicilia è interdetta al pubblico. Colpa di un crollo che sarebbe stato causato dall'acqua piovana. Ma sulla marna bianca ci sono anche chiari segni di pneumatici. Il sindaco di Realmonte si augura di risolvere il problema entro primavera. Guarda le foto

Danilo Daquino

Foto di: Associazione Mareamico

Foto di: Associazione Mareamico

Chiuso il passaggio che dà accesso alla Scala dei Turchi. È quanto ha stabilito il sindaco di Realmonte, Calogero Zicari, che sabato ha emesso un’ordinanza di interdizione dell’area, dopo che alcuni massi di calcarenite si sono staccati dalla parte alta del costone precipitando nella spiaggia. La decisione è scaturita da un sopralluogo effettuato col personale dell’ufficio tecnico comunale, i vigli urbani e la protezione civile. «A cadere sono stati circa quattro blocchi – spiega a MeridioNews il primo cittadino – siamo intervenuti in via precauzionale apponendo delle transenne per impedire il passaggio delle persone».

La zona interessata dalla frana è l’unica che conduce alla scogliera, candidata a patrimonio dell’Unesco, che adesso è raggiungibile solo via mare. «Ci siamo immediatamente preoccupati di metterla in sicurezza, adesso siamo al lavoro per studiare il fenomeno e capire come intervenire in modo da scongiurare altri eventi simili – sottolinea Zicari – la causa dipende sicuramente da un fattore naturale». Ne è sicura anche l’associazione Mareamico, secondo la quale «l’acqua piovana, nel tentativo di farsi strada, ha causato questo crollo».

Fortunatamente al momento della frana nessuno si trovava sul posto. Cittadini e turisti, comunque, potranno ammirare la Scala dei Turchi da una distanza di oltre trenta metri, mentre il sindaco assicura che il tratto di spiaggia interessato tornerà fruibile in tempi relativamente brevi, si spera entro la stagione primaverile.

Resta da capire se l’area interessata dallo smottamento sia privata o comunale, e se dunque rientra nell'annoso contenzioso tra l’ente e il proprietario della famosa collina di marna bianca, che aveva portato tempo fa anche alla comparsa di alcuni cartelli con scritto «proprietà privata». Secondo Claudio Lombardo, di Mareamico, «il Comune da quest'anno ha tentato una sorta di gestione, sciupando soldi pubblici senza ricavarne alcuna entrata e senza riuscire a custodirlo efficacemente». L'ambientalista sostiene che quello di sabato non è il primo crollo verificatosi in quella zona. «Da tempo chiediamo controlli, monitoraggio, messa in sicurezza e vigilanza continua – afferma in una nota, in cui si allegano alcune foto – la dimostrazione della mancata vigilanza sta in queste immagini che ritraggono il passaggio delle moto sulla marna, con le relative sgommate nere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews