Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, bucate ruote ad auto società rifiuti
Sospetti su possibili dipendenti insoddisfatti

Il passaggio da Messinambiente a Messina Servizi Bene Comune sta avendo - la nuova partecipata che dovrebbe subentrare alla prima - sta registrando più di qualche intoppo. Il clima tra i lavoratori è abbastanza teso e qualcuno, secondo i carabinieri, potrebbe avere deciso di mandare un messaggio al Comune

Simona Arena

Gli pneumatici di due auto bucati. Potrebbe essere un atto intimidatorio quello che si è verificato ieri mattina ai danni di due vetture aziendali di Messinambiente, la partecipata che si occupa della raccolta e della gestione dei rifiuti e che è destinata a scomparire perché ormai da anni in liquidazione. Che il clima non fosse dei più distesi si percepiva da tempo. A fare la scoperta, ieri mattina, è stato il commissario liquidatore Giovanni Calabrò mentre si trovava nell’autocentro di via Salandra.

Le due vetture, una Fiat Panda e una Fiat Punto, in uso ai sorveglianti, erano da poco rientrate dopo aver effettuato il turno regolare. Alle 10 erano all’interno del’autoparco. Poco dopo qualcuno con un coltello ha bucato tutti gli pneumatici delle due auto. A lasciare inquieto Calabrò il fatto che ad agire potrebbe essere stato molto probabilmente qualcuno interno all’azienda

Sul posto è arrivata la gazzella dei carabinieri, dopo che i vertici di Messinambiente hanno presentato denuncia. I militari hanno chiesto di visionare le immagini dell’impianto di video sorveglianza. Il malcontento che si percepisce tra i lavoratori è palpabile. La fase di transizione dei lavoratori dalla partecipata di via Dogali alla Messina Servizi Bene Comune, la nuova società destinata a i inglobare tutti i servizi e i dipendenti attualmente di Messinambiente, non sta andando come sperato. Tanti sono stati gli intoppi che ad oggi hanno ostacolato questo passaggio. Un clima che secondo gli investigatori dell’Arma potrebbe aver esasperato qualcuno, che ha voluto con questo gesto mostrare la propria insofferenza.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×