Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Confiscati i beni a due uomini legati a Cosa nostra
Colpito anche il capomafia del paese di Montedoro

I provvedimenti sono stati effettuati dalla Direzione investigativa antimafia. Nel caso di Nicolò Falcone, notificata anche la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Il gelese Carmelo Vella, invece, è ritenuto vicino alla cosca dei Rinzivillo, di recente colpita da due operazioni delle Procure di Caltanissetta e Roma

Redazione

Cinque aziende, tre immobili, 59 terreni, auto e conti bancari. È quanto confiscato in provincia di Caltanissetta a due uomini legati a Cosa nostra. Il primo caso è quello di Nicolò Falcone che, oltre dall'aggressione dei beni, è stato raggiunto dalla misura di sorveglianza speciale

Sul suo conto gli uomini della Direzione investigativa antimafia hanno le idee chiare: Falcone, 68 anni, è ritenuto uomo d'onore e capo della famiglia mafiosa di Montedoro. Per gli investigatori, avrebbe anche un ruolo di vertice nella provincia nissena, capeggiata dal boss Piddu Madonia. A confermare l'appartenenza di Falcone sono stati diversi collaboratori di giustizia. All'uomo sono state confiscate un'azienda agricola e due ditte individuali attive sempre nel settore agricolo.

Destinatario dell'altra confisca è il 56enne gelese Carmelo Vella. L'uomo è stato più volte coinvolto in operazioni di polizia e risulta vicino alla cosca dei Rinzivillo, la scorsa settimana decimata da due indagini coordinate dalla Procura di Caltanissetta e da quella di Roma. 

Nello specifico Vella avrebbe in Paolo Palmeri - già reggente del clan - il proprio punto di riferimento. Gli sono stati confiscati una quota di partecipazione in una società che gestisce supermercati, terreni, rapporti bancari e un'impresa individuale con sede a Gela e attiva nel settore dei «lavori di meccanica generale per conto terzi». L'ammontare delle confische a Falcone e Vella è di oltre tre milioni e mezzo di euro.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×