Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, perché è stato confermato il sequestro
Non basta il Cga per dire che non è abusivo

Il Tribunale di Caltagirone ha nuovamente detto no alla richiesta di dissequestro avanzata dal ministero della Difesa, attraverso l'Avvocatura dello Stato. Nelle motivazioni il giudice sottolinea che «occorrerà verificare in sede dibattimentale la legittimità dei provvedimenti di autorizzazione»

Salvo Catalano

Non c'è sentenza amministrativa che tenga. Il Muos di Niscemi rimane sotto sequestro. Per la terza volta un giudice afferma che i sigilli - apposti al cantiere della base militare Usa dove sorgono le parabole satellitari nell'aprile del 2015 - devono rimanere. Stavolta a dirlo è, di nuovo, il Tribunale di Caltagirone. Era stato il ministero della Difesa, attraverso l'Avvocatura dello Stato, a chiedere la revoca del provvedimento. Negata. 

La nuova richiesta era partita dopo le recenti sentenze del Consiglio di giustizia amministrativa che hanno dichiarato il Muos non nocivo. «Pur interessando i provvedimenti amministrativi (e in particolare le autorizzazioni paesaggistiche) - scrive il Tribunale riferendosi proprio alle sentenze del Cga - non sono idonee a determinare l'automatica insussistenza del carattere abusivo delle opere». 

Insomma, secondo il giudice, l'iter che ha portato alla costruzione dell'impianto di telecomunicazione va esaminato in altra sede. «Occorrerà verificare in sede dibattimentale la legittimità dei provvedimenti di autorizzazione alla costruzione del Muos anche in rapporto a eventuali profili di illegittimità che non è possibile valutare in fase procedimentale». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×