Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Acqua, nella nuova legge via libera ai Comuni ribelli
Ad alcune condizioni non dovranno consegnare reti

La Regione non ha fatto ricorso all'impugnativa del governo nazionale, ma nella versione aggiornata del ddl ci sarebbe una soluzione per le amministrazioni che si sono rifiutate di affidare gli impianti al gestore privato. Merito di una norma, che introduce delle eccezioni, approvata dal Parlamento lo scorso dicembre

Giuseppe Bianca

L’assessora regionale Vania Contrafatto, nell’ambito della legge di riscrittura della riforma del sistema idrico che dovrà approdare nei prossimi giorni in giunta, punta a regolare al meglio la possibilità per i Comuni di disporre della gestione delle reti idriche. Un tema che riguarda, ad esempio, i centri che non hanno restituito o non vorrebbero farlo, gli impianti, come quelli della provincia di Agrigento. In tempi relativamente brevi alcuni di questi potrebbero essere messi nelle condizioni di poterne disporre a pieno titolo. 

Una delle parti impugnate dal Consiglio dei ministri della legge siciliana sul riordino del sistema idrico, infatti, riguardava proprio la possibilità che veniva data a quegli enti che non hanno mai provveduto alla restituzione delle reti idriche, di continuare a gestirle in modo autonomo. La norma è stata impugnata perché la legge nazionale espressamente ribadisce che il gestore deve essere unico, ad eccezione dei Comuni montani. Il parlamento nazionale ha però emanato una legge, a fine 2015, entrata in vigore lo scorso tre febbraio, che introduce una seconda eccezione. Viene infatti resa esplicita la possibilità di utilizzo delle reti idriche per i Comuni che si trovano a potere soddisfare tre condizioni: avere una fonte di pregio, che questa ricada all’interno di un parco naturale, ed avere un uso efficiente delle risorse. Queste tre condizioni devono essere riconosciute dall’assemblea territoriale idrica, cioè l’insieme dei sindaci, preposta ad individuare chi si trovi in possesso dei requisiti previsti dalla legge. 

In queste condizioni rientrano una trentina di Comuni tra cui Geraci siculo, Scillato e Bivona. Soddisfatto il vice capogruppo all’Ars del Pd e sindaco di Bivona, Giovanni Panepinto: «Oggi si sta cercando di lavorare insieme con il governo e il presidente della commissione, per redigere un testo che elimini alcune incongruenze, ma che mantenga inalterato l’impianto della legge, dalle tariffe alla gestione. Il coinvolgimento dei territori non può e non deve essere una circostanza occasionale, ma una premessa di rispetto di quegli enti che hanno anche investito risorse negli impianti». 

Ad Agrigento sono 17 i paesi ad aver fatto muro. Casi di mancata consegna delle reti idriche si registrano anche nel territorio catanese. Nel 2007 venne annullata dal tribunale di Caltagirone la possibilità di affidare ad un gestore unico il servizio idrico provinciale. Nel territorio di Enna, il primo ad essere privatizzato, invece è più capillare la presenza di comuni che non dispongono più delle reti idriche. Nel Trapanese è prevalente l’utilizzo della gestione dell’ex Eas (Ente acquedotti siciliano), in liquidazione da tempo. I Comuni della provincia di Palermo che hanno resistito tenendo gli impianti hanno aderito alla proposta di legge di iniziativa popolare sull’acqua pubblica. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews