Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Glauco II, smantellata rete trafficanti di migranti
In centinaia rapiti nel deserto e fatti prigioneri

Un'organizzazione complessa, con basi in diverse province dell'Isola e anche all'interno del Cara di Mineo, è stata bloccata dagli inquirenti palermitani. Le indagini sono partite nel 2013, quando un barcone con almeno 366 persone naufragò a largo delle coste di Lampedusa. In carcere sono finite 24 persone. Guarda il video

Redazione

Una vasta rete criminale, dedita al favoreggiamento dell'immigrazione e della permanenza di migranti, formata da cittadini eritrei, etiopi, ivoriani e ghanesi. Un giro di affari milionario sulla pelle di migliaia di connazionali. È l'organizzazione smantellata dalla polizia su ordine della Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha disposto l'arresto di 24 persone. L'inchiesta è coordinata dal procuratore palermitano Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Maurizio Scalia. Nel corso delle indagini è stata scoperta anche una cellula complementare a quella che agisce in Africa che si muove tra le province di Palermo, Agrigento, Catania e anche Milano. I componenti di questa seconda rete avrebbe gestito le fughe dei migranti dai centri di accoglienza, il supporto per rimanere clandestinamente in Italia e quello per poi espatriare nel nord Europa. Una base è stata scoperta anche nel Cara di Mineo, in provincia di Catania, dove una serie di complici avrebbero messo in contatto le persone appena arrivate in Sicilia con i parenti già in Nord Europa. I ricongiungimenti sarebbero stati promessi in cambio di cifre che vanno dai 250 ai mille euro a persona. Un business che nella sua complessità avrebbe fruttato centinaia di migliaia di euro.

Sono due le figure-chiave individuate dagli inquirenti: Ermias Ghermay, etiope, e Medhane Yehdego Redae, eritreo. Sarebbero i nomi più importanti del traffico che segue la cosiddetta rotta libica. Ghermay, infatti, vive a Tripoli; Zuwarah risulta latitante dal luglio del 2014, quando nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento cautelare internazionale perché riconosciuto responsabile del viaggio che portò al naufragio del 3 ottobre 2013 davanti alle coste di Lampedusa, in cui persero la vita almeno 366 persone. A loro si aggiunge Asghedom Ghermay, fratello di Ermias, detto Amice. Sarebbe stato lui l'anello di congiunzione in Sicilia tra i trafficanti in Africa e i componenti sparsi per l'Isola

L'inchiesta parte dalla tragedia del 2013. In quell'occasione è stato identificato uno dei presunti scafisti, condannato a 20 anni di carcere. Gli inquirenti hanno scoperto come la rete intercettasse i migranti durante i viaggi nel deserto. Persone che poi sarebbero state rapinate, torturate, derubate del denaro per poi essere consegnati a quanti organizzano le traversate dalle coste libiche. Da lì i gruppi di persone in attesa di partire sono tenute sotto la vigilanza di guardie armate in attesa dell'imbarco. L'attività dei due presunti trafficanti di vite continuerebbe anche quando i passeggeri dei barconi sbarcano in Sicilia.  

Attraverso le intercettazioni telefoniche sui cellulari di Ermias Ghermay è stato possibile risalire all'identità degli altri componenti dell'organizzazione, fermati oggi, e stabilirne i ruoli.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews