Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il principio di Insularità torna nella Costituzione italiana
Armao: «Una battaglia vinta, nulla sarà come prima»

Aggiornato l'articolo 119, torna il riconoscimento della condizione di svantaggio in cui versa chi vive sulle isole. Era stato rimosso nel 2011. In arrivo finanziamenti per strutture e abbattimento del gap con il Continente

Gabriele Ruggieri

Foto di: Luca Parmitano

Foto di: Luca Parmitano

«Nulla sarà come prima». Lo dice l'assessore regionale al Bilancio Gaetano Armao durante una conferenza stampa in cui è stato annunciato il ritorno sulla Costituzione del principio di insularità, votato stamattina a Roma. L'articolo 119 adesso recita: «La repubblica riconosce le peculiarità delle Isole e promuove le misure necessarie a rimuovere gli svantaggi derivanti dall'insularità». Un riconoscimento che porterà a Sicilia e Sardegna non pochi fondi per defiscalizzazioni e interventi mirati. Una battaglia vinta dalla Regione e da Armao, che ne aveva quasi fatto una questione personale.

Un provvedimento che ha trovato consensi in tutto l'arco parlamentare, condiviso all'unanimità tanto da Camera quanto da Senato lo scorso marzo, quando lo stesso Armao aveva previsto una svolta entro l'autunno. Svolta che è arrivata oggi. «Oggi torna in Costituzione la tutela delle Isole che era stata rimossa nel 2011, torna a essere un parametro di legittimità per le leggi, per i provvedimenti amministrativi, per i piani, per i regolamenti - dice il vicepresidente della Regione - La condizione di insularità ritorna a essere un riferimento dell'ordinamento giuridico italiano, questo darà sostegno alla battaglia che Sicilia e Sardegna stanno facendo anche in Europa per la continuità territoriale, per la fiscalità di sviluppo, per investimenti che rimuovano quelle condizioni di particolare svantaggio che rendono le nostre Isole in alcuni casi irraggiungibili o raggiungibili a costi esasperanti. Da domani nulla sarà come oggi perché è cambiata la Costituzione e l'insularità ha ritrovato il suo ruolo centrale».

«Ci siamo battuti sia a livello nazionale che a livello europeo - prosegue - L'Italia è il paese con il più alto numero di cittadini insulari in Europa, in sette milioni vivono nelle isole e ha una maggiore consapevolezza di quanto pesi l'insularità e di come possa essere affrontata, non solo attraverso interventi finanziati di sostegno, ma anche attraverso interventi di perequazione infrastrutturale, con misure di fiscalità di sviluppo che consentono di giocare su aliquote per aiutare imprenditori e albergatori che vivono soprattutto in aree che soffrono di doppia insularità. Da quando è stata cancellata l'insularità nel 2011 le isole hanno fatto tanti e troppi passi indietro, ma da domani nulla sarà più come prima, è una promessa», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×