Alleycat race Scicli per conoscere la città «Un’invasione colorata e non inquinante»

Trentotto iscritti, molti residenti e una decina di out of town. E’ andata bene la prima Alleycat race di Scicli. Una gara di bici, non agonistica, con l’obiettivo di scoprire gli scorci barocchi del piccolo centro ragusano tra scatti di pedali e foto.

«Ci siamo divertiti tanto e l’idea è piaciuta sia ai partecipanti che agli abitanti», raccontano gli organizzatori dell’associazione Barocco Slow Coast. «Si respirava un’atmosfera festosa e allo stesso tempo curiosa. Una giornata baciata dal sole perfetta per il percorso, stare all’aria aperta e apprezzare le bellezze della città», racconta Monica Carbone. «Un’invasione colorata, allegra e non inquinante», l’ha definita il professore Giampaolo Schillaci. «E’ stato bello vedere giovani, adulti e bambini pedalare per le vie di Scicli. La città ha risposto bene e interagito con i partecipante. Molti aiuti a trovare i posti sono arrivati proprio da loro».

«E’ stato bello incontrare i vecchietti e chiedere a loro le indicazioni del percorso», racconta Laura, una delle cicliste fuori sede. «Non conoscevo alcuni check points, mi è piaciuto soprattutto il palazzo Terranova-Cannariati. E ho saputo da un’anziana signora residente che è uno dei pochi che ha resistito al terremoto del 1963!». Non meno entusiasti i concorrenti locali. «E’ stata un’iniziativa simpatica che mi ha fatto riscoprire posti che avevo perso di vista o in cui non ero mai andato», dice Andrea. Che, a differenza degli altri, aveva già partecipato a due gare di gatti selvaggi in Olanda. «La cosa che ha caratterizzato questa – racconta – è che qui mi sono immerso nel barocco e ho avuto il tempo di guardare i posti in cui passavo. Se fossi stato a Toronto o Amsterdam mi sarei impegnato a correre senza godermi il percorso».

Tra i partecipanti, tanti giovani ma anche adulti e quattro, cinque famiglie con piccoli ciclisti al seguito, muniti di macchine fotografiche e smartphone per raccogliere le immagini del tragitto. Una di queste vincitrice: la squadra Bagarospi, composta da Alessandro Parisi Assenza e il figlio Diego di dieci anni, premiati tra i locals. Mentre ad aggiudicarsi la vittoria come out of town è stato un giovane catanese, Davide Occhino. Entrambi premiati perché arrivati più vicini al tempo medio di percorrenza, che è stato di 2 ore, 5 minuti e 20 secondi.

«Ci siamo divertiti tanto. E abbiamo promosso il nostro territorio in un modo nuovo e che ha riscosso grande successo», ha detto il professore Schillaci. L’idea è piaciuta e ha attirato l’attenzione di molti curiosi sia durante la gara che alla fine, per la premiazione. Di certo molto diversa dalle competizioni più note, corse in giro per il mondo e caratterizzate dalle acrobazie dei ciclisti. Ma non per questo meno spettacolare, tra uno scatto fotografico e l’altro per le vie della città ragusana patrimonio dell’Unesco.

[Foto di Carlo Micieli]



Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Tante facce sorridenti e la soddisfazione degli organizzatori per la prima gara di bici con foto organizzata nel centro barocco in provincia di Ragusa. Un'occasione per riscoprire il piacere di una passeggiata tra amici, genitori e figli, senza antagonismo, ma un unico obiettivo: valorizzare i beni culturali in modo nuovo e divertente. Guarda le foto

Tante facce sorridenti e la soddisfazione degli organizzatori per la prima gara di bici con foto organizzata nel centro barocco in provincia di Ragusa. Un'occasione per riscoprire il piacere di una passeggiata tra amici, genitori e figli, senza antagonismo, ma un unico obiettivo: valorizzare i beni culturali in modo nuovo e divertente. Guarda le foto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]