Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Corruzione, arrestato Antonello Montante
Avrebbe spiato indagini di giudici e polizia

L'ex presidente di Confindustria Sicilia, figura di spicco dell'antimafia, avrebbe fatto parte di una rete finalizzata a rubare informazioni dalle inchieste di Procura e questura aperte a suo carico. Con lui sono finite ai domiciliari altre cinque persone, tra cui l'imprenditore Massimo Romano e uomini delle forze dell'ordine

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Arrestato Antonello Montante. L'ex presidente di Confindustria Sicilia, attualmente alla guida della Camera di Commercio di Caltanissetta e presidente di Retimpresa Servizi srl di Confindustria nazionale, è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione. Insieme a lui la squadra mobile di Caltanissetta - coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia nissena, in particolare dal procuratore capo Amedeo Bertone, dall'aggiunto Gabriele Paci e dai sostituti Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso - ha portato in manette anche altre cinque persone, mentre un altro indagato è stato colpito dalla misura interdittiva della sospensione dall'esercizio dell'ufficio pubblico per la durata di un anno.

Scondo l'indagine della Mobile nissena, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo, Montante e gli altri arrestati avrebbero fatto parte a vario titolo di una sorta di rete finalizzata a spiare i movimenti e le inchieste di Procura e polizia, tra le accuse c'è anche quella di accesso abusivo a sistema informatico, con lo scopo di avere notizie sulle indagini della magistratura a carico dell'ex numero uno di Confindustria, per cui sono stati disposti gli arresti domiciliari. Tra gli arrestati, tutti ai domiciliari, ci sarebbero anche tre agenti della polizia di stato: Giuseppe D'Agata, capocentro della Dia di Palermo poi trasferito ai servizi segreti e infine tornato nell'Arma; Diego Di Simone, ex sostituto commissario della squadra mobile di Palermo; Marco De Angelis, sostituto commissario prima alla questura di Palermo, ora in servizio alla prefettura di Milano; Ettore Orfanello, ex comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Caltanissetta. Non è stato arrestato, ma è sospeso dal servizio per un anno, Giuseppe Graceffa, vice sovrintendente della polizia in servizio a Palermo.

Ai domiciliari pure Massimo Romano, imprenditore dei supermercati che gestisce la catena Mizzica-Carrefour Sicilia, con oltre 80 punti vendita nella regione. Molto amico di Montante, aveva già ricevuto un avviso di garanzia dagli investigatori di Caltanissetta proprio nell'indagine sull'ex numero uno di Confindustria. Le ipotesi di reato sono dunque associazione per delinquere finalizzata a commettere delitti contro la pubblica amministrazione, accesso abusivo a sistema informatico, e corruzione.

Montante è stato uno degli esponenti di punta della svolta antimafia di Confindustria ricoprendo anche la carica di responsabile nazionale per la legalità. Le indagini della squadra mobile e della procura di Caltanissetta gli contestano di aver creato una rete illegale per spiare l'inchiesta che era scattata nei suoi confronti tre anni fa, dopo le dichiarazioni di alcuni pentiti di mafia

Il 22 gennaio di due anni fa, Montante aveva ricevuto un avviso di garanzia per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, venivano ipotizzati legami d'affari e rapporti di amicizia con Vincenzo Arnone, boss di Serradifalco, figlio di Paolino Arnone, storico padrino della provincia di Caltanissetta morto suicida in carcere nel 1992. Vincenzo Arnone è stato testimone di nozze di Montante.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×