Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, coppia voleva occupare casa con topi
Assessore: «I servizi sociali valuteranno il caso»

È accaduto alcuni giorni fa in via Lentini. Insieme ai due adulti c'erano i tre figli minorenni. Sono stati intercettati dai carabinieri e convinti a desistere dal proposito. L'amministrazione comunale sta lavorando a una misura di sostegno per persone in difficoltà. «Abbiamo fatto un accordo con la Caritas»

Danilo Daquino

Dormivano in auto, a seguito di dissidi avuti con i parenti, e così hanno pensato di occupare una casa disabitata. E l'esigenza di avere un tetto era più forte di tutto, anche delle condizioni in cui si trovava l'immobile. Protagonista una coppia di Siracusa con tre bambini, che nei giorni scorsi è stata intercettata dai carabinieri in via Lentini. «L’immobile - spiegano i militari intervenuti sul posto - era in evidente stato di abbandono e di degrado igienico sanitario, con intonaci caduti, vegetazione anche all’interno delle varie stanze, infissi danneggiati o mancanti e numerosissimi escrementi di roditori che facevano presagire un pericolo per la salute delle persone».

I militari del Nucleo radiomobile hanno convinto la coppia a desistere dall’intento e hanno avvertito i servizi sociali del Comune, al fine di poter dare una sistemazione alla famiglia. «Ci stiamo occupando della situazione - spiega a MeridioNews l’assessore ai Servizi sociali, Giovanni Sallicano -. L’assistente sociale si confronterà con la coppia per fare una indagine appropriata e approfondita circa le effettive e reali necessità, la situazione economica e quant’altro. Sulla base di queste informazioni, l’ufficio dovrà redigere una relazione e dopo decideremo il da farsi».

Al momento il Comune si appoggia alla Caritas per la ricerca di case da affidare alle famiglie disagiate. «Gli immobili comunali sono tutti occupati legittimamente - continua Sallicano - quindi per aggirare l'ostacolo, almeno parzialmente, abbiamo fatto l’accordo con la Caritas con la quale l’ente comunale divide i costi». In bilancio, l’amministrazione ha previsto l’assistenza per una decina di nuclei familiari. «È una misura pensata anche a favore dei nuclei familiari che non rientrano nelle graduatorie per l’affidamento delle case popolari perché magari singoli o in coppia senza figli», conclude Sallicano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×