Villa Filippina, dopo 28 anni riapre l’arena «Un nuovo punto di riferimento della città»

«Ci piace farcela». C’è un carico di entusiasmo enorme in questa frase di Marcello Barrale, direttore del Planetario di Palermo, da anni impegnato nel campo della divulgazione e della didattica astronomica. Il motivo è presto detto. Il rilancio di Parco Villa Filippina che, con un ampio ventaglio di appuntamenti che spaziano dalla musica al teatro fino alle stelle, torna a essere un luogo aperto alla città. Una su tutte la grande novità di quest’anno: la riapertura, a distanza di 28 anni, dell’arena, che da quest’anno torna in funzione. L’inaugurazione è prevista per venerdì 22 giugno e si snoderà sino a domenica 24: si inizia con l’apertura dell’area food, seguita da un evento astronomico e, dulcis in fundo, dal taglio del nastro ufficiale con la restituzione ai cittadini della storica arena. «Questa città ha un numero piuttosto elevato di abbonati. Sarebbe bello se questo luogo fosse un ulteriore punto di riferimento. Una grande città come questa doveva avere un luogo come questo», dichiara il consigliere comunale Giulio Cusumano, che ha sposato il progetto di riqualificazione e rilancio sin dall’inizio.

«Questa villa finalmente restituisce alla città una dignità culturale – continua Cusumano -. Oltre al Teatro di Verdura torna in vita questa zona storica, e da ora si apre alla parte strettamente artistica. Tutto questo combinato alla presenza di un’imprenditoria giovane che ce la fa senza aiuti pubblici ma con le forze e le capacità del singolo imprenditore». Il progetto, col suo calendario di eventi che dureranno per tutta l’estate fino al 30 settembre, è slegato da Palermo Capitale della Cultura 2018. Rappresenta, piuttosto, un percorso a sé stante che arricchisce il programma di eventi palermitani e che si protrarrà nel tempo. «Non è la conferenza stampa di un evento, ma di un percorso che durerà e di un’imprenditoria giovane che farà strada», ribadisce infatti il consigliere. L’arena, completamente ripristinata e riportata ai fasti di un tempo, ospiterà un palcoscenico di 120 metri quadrati con una platea che accoglierà un massimo di 1548 posti a sedere e fino a duemila in piedi.

Tante le collaborazioni che renderanno possibile la rinascita del Parco: quelle, ad esempio, con i direttori artistici Giovanni Libeccio, Orazio Bottiglieri e Francesco Giacalone; e ancora quella di Amelia Bucalo, ideatrice del Teatro del Fuoco, e Aldo Lombardi, direttore dell’associazione Kandiskij, la realtà che «porta qui la musica classica». Una sfida, quest’ultima, piuttosto coraggiosa. «La faremo in una struttura nuova e non abituata a tutto questo. Abbiamo immaginato un progetto di spettacolarizzazione della musica classica, mentre sullo sfondo verranno proiettate immagini di carattere astronomico, per restare in tema. Insomma, qualcosa di davvero inedito». Il primo appuntamento con la musica classica sarà quello del 29 luglio: occasione in cui l’orchestra da camera Kandikij chiuderà i battenti per trasformarsi in orchestra da camera di Palermo, sfruttando l’esperienza ventennale che si porta dietro e mettendola a servizio delle maestranze più giovani.

Ma saranno il cinema e il teatro i protagonisti principali di questa prima stagione a Villa Filippina. A ispirare il progetto di questo vero e proprio parco urbano è soprattutto l’associazione Urania, attiva dal 2008 nell’ambito di servizi scientifici e culturali e che da ottobre 2011 ha sede fissa all’interno di Villa Filippina. È proprio Urania che, contando solo su investimenti privati, ha restituito alla città lo spazio che era destinato anticamente al cinema Aaron, attivo dal dopoguerra fino agli anni ’80 e divenuto poi arena all’aperto. A dicembre 2017 l’associazione ha dato il via, in accordo con l’Opera Pia Angelo Serio alla gestione e conduzione del complesso facendo partire i primi lavori per il ripristino dell’area verde e di alcune aree circostanti.

Un progetto ambizioso, che ha previsto anche il restauro e la manutenzione di tutto quello che risultava pericolante e per anni in stato di abbandono, dal porticato settecentesco alla chiesa, gli affreschi e i cornicioni. L’arena si aggiunge quindi a strutture e servizi già esistenti o rimesse in piedi: il planetario e il museo astronomico e l’area bistrot, che sarà gestita dalla Coop. Ali in collaborazione con PPP Burger, un punto di ristoro d’appoggio per le serate del teatro. Mentre una parte del giardino sarà dedicata i giochi e all’intrattenimento per i più piccoli.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]