Via De Felice, sgomberato il palazzo occupato «Emergenza casa non è problema di sicurezza»

Due sgomberi in meno di sette giorni nella settimana in cui l’emergenza abitativa sembra essere entrata nel dibattito pubblico, con tanto di consiglio comunale sul tema che però non ha portato ad alcuna soluzione. Dopo lo sgombero di martedì degli abitanti di via Furnari, stamattina alle sette agenti di polizia sono intervenuti in via De Felice 48nello stabile di proprietà dell’istituto Ardizzone-Gioeni occupato sabato. Un dispiegamento di forze minore rispetto a quello visto pochi giorni fa, ma stavolta tre persone sono state condotte negli uffici della polizia e sentite dalla digos. 

A supportare la nuova occupazione è il comitato Casa x tutti, che ieri ha organizzato un pranzo sociale e oggi avrebbe dovuto tenere davanti allo stabile una conferenza stampa sulla questione. «È molto grave che ancora una volta l’amministrazione intervenga attraverso la questura», affermano i referenti del comitato. «È grave anche che si faccia dell’emergenza abitativa soltanto un problema di ordine pubblico». Secondo gli attivisti «così non si risolve il problema. Anzi: si aggrava, si alimenta». Un circolo vizioso che sembra non avere soluzione, dato che le uniche porte aperte da parte dei responsabili dei Servizi sociali in caso di emergenza sono l’assegnazione di un bonus per il pagamento degli affitti (250 euro, per contratti che devono essere necessariamente in regola) e la sistemazione provvisoria in strutture alberghiere

Il progetto di occupanti e attivisti avrebbe previsto «un’opera di recupero di questi oltre 30 appartamenti – spiegano – Stavamo avviando un calendario di lavori e quando è arrivata la polizia c’erano solo cinque persone che stavano iniziando a lavorare». L’edificio, sottolineano, «è abbandonato da più di vent’anni e la fondazione non ha progetti di recupero e di utilizzo. È chiuso e destinato probabilmente a rimanere tale». Eppure «per Catania potrebbe essere una risorsa. È così grande che potrebbe essere utilizzato in diverse maniere».

La denuncia per occupazione abusiva è partita dal commissario dell’istituto, Giampiero Panvini. «Siamo stati informati sabato pomeriggio – racconta – e ho dato mandato di avvertire la polizia, che era già stata allertata. Poi ho formalizzato la denuncia». Proprio in questi giorni partirà «l’avviso pubblico per la vendita o l’affitto del palazzo», continua il commissario, che si dice meravigliato per la coincidenza dei tempi. «Che un edificio pubblico rimanga chiuso per così tanto tempo non è pensabile», lamenta Panvini, commissario dell’ente da circa 40 giorni. 

«Sono disponibile a incontrare i rappresentanti del comitato – afferma Giampiero Panvini – hanno la mia piena solidarietà, anche se non condivido il metodo. La loro protesta ha un senso, ma potevano farla magari in maniera diversa». «Di certo continueremo a muoverci – assicurano dal comitato Casa x tutti – domenica 28 terremo un’assemblea sul tema casa. La città sente il problema, gli unici a non avvertirlo sono i componenti dell’amministrazione. Che, probabilmente, non sanno come rispondere». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

È durata due giorni l'occupazione dello stabile dell'istituto Ardizzone-Gioeni, inutilizzato da circa 20 anni. Stamattina la polizia è entrata nell'edificio e tre persone sono state portate in questura. «Così non si risolve il problema», lamenta il comitato Casa x tutti. Il commissario dell'ente si dice disponibile a un incontro

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]