Tram: bici a bordo, biglietto unico ed elettronico Rossi: «Già da febbraio cercheremo le soluzioni»

Bici a bordo dei vagoni, pagamenti elettronici e biglietto unico Amat-Trenitalia. A partire da febbraio potrebbero esserci alcune novità sostanziali per il tram, che nel primo mese di esercizio sta registrando un autentico boom di passeggeri, al ritmo di 20mila al giorno. E così si cerca di perfezionare un mezzo di trasporto che piace, affrontando tre temi sentiti. In particolare quello del biglietto integrato. Per chiederne il ripristino c’è già una petizione, promossa dal vicepresidente della terza circoscrizione Dario Chinnici, che ha raccolto in pochi giorni 1.500 firme

Quando il passante ferroviario (il prossimo mese saranno inaugurate le fermate Lolli e Guadagna) e l’anello saranno pronti – si spera nell’arco di un paio d’anni -, se un passeggero volesse scendere dal tram o dall’autobus (1,40 euro) e prendere la metropolitana (1,50 euro) dovrebbe acquistare due ticket, uno per il Genio e uno per il treno. Come succede già adesso a chi sceglie il mezzo pubblico per spostarsi da Brancaccio alla Stazione Notarbartolo. Sei euro tra andata e ritorno. Troppi. Stando così le cose, per le tasche dei palermitani il mezzo privato resterebbe quello più conveniente. 

«Il biglietto integrato – dice a Meridionews il direttore di esercizio Gianfranco Rossi – non solo è previsto dalla legge ma è stato richiesto dall’Amat. È una soluzione che verificheremo a breve». Tutto passa da un accordo con Trenitalia, di cui si parla da almeno un anno ma che non ha ancora visto la luce. Biglietto unico e, perché no, a banda magnetica, magari da acquistare con lo smartphone o il tablet. Una possibilità che l’Amat concedeva fino allo scorso 31 dicembre, quando sono scadute le convenzioni per la sperimentazione condotta nel 2015 da Pluservice con My Cicero, da Banca Sella con App Mobile e da Wolley Buy con il sistema Nfc. «Il biglietto elettronico farà parte del nuovo piano tariffario», promette Rossi. Anche perché sarebbe un utile disincentivo alla triste usanza di scassinare – per portar via pochi spiccioli, dato che vengono svuotate ogni notte – le macchinette che distribuiscono i ticket alle fermate. «Lo sarebbe senza dubbio. Furti e danneggiamenti purtroppo non sono mancati, ma le macchinette vengono riparate regolarmente». 

Le bici, infine. In metropoli come Milano o Roma per consentire l’ingresso dei mezzi a pedale sono state acquistate vetture speciali con il pianale ribassato, e solo per alcune linee. A Bergamo, invece, è consentito un massimo di quattro bici a bordo. Insomma, anche a Palermo introdurre questa possibilità non sarà per niente agevole: si parla di tre, forse quattro bici a vagone. Fermo restando che quelle pieghevoli possono già salire. Il direttore conferma tutte le difficoltà: «L’argomento è sul tavolo e lo affronteremo a partire da febbraio per capire se c’è una soluzione, ma dobbiamo fare un’attenta valutazione di tipo tecnico, normativo e di sicurezza».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]