Rosolini, il fratello di Evan conferma botte dei patrigni Il bimbo di sei anni ascoltato nell’incidente probatorio

Il padre naturale e l’attuale compagno della madre di Evan Lo Piccoloil bambino di 21 mesi di Rosolini morto all’ospedale di Modica lo scorso 17 agosto per le lesioni sul corpo e un trauma cranico, avrebbero avuto atteggiamenti violenti nei confronti del piccolo. Lo ha confermato il fratello maggiore – il primogenito che Letizia Spatola aveva avuto da una relazione precedente – durante l’incidente probatorio disposto dal giudice per le indagini preliminari di Siracusa su richiesta della procura che indaga sul decesso di Evan. Il bambino di sei anni, che è stato sentito nel palazzo di giustizia aretuseo, avrebbe anche confermato quanto dichiarato dalla madre al gip: quella sera lui avrebbe dormito con lei, mentre il compagno della donna era in un’altra stanza con il fratellino di 21 mesi

Stefano Lo Piccolo, il padre di Evan, risulta indagato per i maltrattamenti sul figlio. Stando al racconto di alcuni testimoni, i fatti sarebbero avvenuti prima del mese di dicembre del 2019, periodo in cui poi era finito il rapporto con Letizia Spatola. L’accusa nei confronti dell’uomo non è legata alla morte del figlio. Per questo, infatti, sono indagati la madreil suo attuale compagno, il 23enne Salvatore Blanco. Stando a quanto emerso dai primi risultati dell’autopsia, sul corpo di Evan ci sarebbero stati lividi e lesioni riferibili anche alle settimane precedenti e compatibili con delle percosse

Entrambi si trovano in carcere con l’accusa di omicidio volontario in concorso, maltrattamenti in famiglia e lesioniTutti e due si sono proclamati estranei ai fatti. Lo Piccolo, che vive in Liguria, alcuni giorni prima della morte del figlio aveva presentato un esposto contro ignoti per le lesioni riscontrate dalle foto ricevute dalla propria madre. La procuratrice di Siracusa Sabrina Gambino, titolare del fascicolo di inchiesta, ha affermato che la denuncia «è stata presentata a Genova e non ne avevamo notizia. In ogni caso, dopo averla letta, emerge che era una segnalazione dai contenuti generici».

Durante le indagini, sono emersi anche i diversi ingressi in ospedale degli ultimi tre mesi prima della morte di Evan. Un primo accesso risale al 27 maggio. Il bambino arriva al nosocomio con una frattura al femore. La donna avrebbe giustificato tutto parlando di una caduta da un seggiolino. Un trauma che avrebbe provocato nel bambino anche difficoltà a camminare: si trascinava la gamba destra, come è evidente da alcuni video mostrati dalla nonna e dalla zia paterne. Il 12 giugno Evan viene portato di nuovo in ospedale per delle ferite che si sarebbero infettate. Un terzo accesso ha la data del 6 luglio: il referto parla di una frattura alla clavicola. Gli operatori sanitari notano anche lividi sul corpo del bambino. In uno di questi accessi, inoltre, la madre avrebbe anche abbandonato il figlio in ospedale


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]