Piazza Europa sarà riconsegnata a marzo Per il parcheggio serviranno altri 10 mesi

Ben 2300 metri quadri tra superficie verde e il nuovo “spazio pubblico interattivo” che verrà concluso entro la prossima primavera: questo il nuovo volto di Piazza Europa” ridisegnato dal progetto architettonico e paesaggistico presentato oggi in Comune.  «Finalmente abbiamo una data per la consegna della piazza», ha affermato Lorena Virlinzi, amministratore delegato della Parcheggio Europa Spa (la ditta che sta gestendo i lavori in project financing). «In marzo riconsegneremo la parte superficiale». La consegna della piazza, però, avverrà solo in parte. Piazza Sciascia, affacciata sul mare, e il parcheggio non saranno ultimati prima di 10 mesi ancora. Intanto, il progetto è stato ufficialmente presentato alla città, puntando l’attenzione sulle parole chiave che lo caratterizzano:  “ecosistema urbano”, “flussi e funzioni”, “agritecture” e “biodiversità”. “Senza stravolgere la memoria della piazza – sottolineano i costruttori – il verde si fonderà con il segno architettonico”.

Un’ idea di certo ambiziosa e innovativa, che si propone di trasformare la piazza in una vera e propria finestra della città sul mare, curandosi di mantenere il giusto rapporto tra l’urbano e il verde pubblico. Senza dimenticare la realizzazione di spazi destinati ad ospitare laboratori, attività didattiche, ludiche e commerciali.

Come si ricorderà quella di Piazza Europa è una storia lunga nota ai cittadini etnei. Un progetto, quello in fase realizzazione, che in origine nasceva con il principale intento di risolvere l’emergenza traffico con la costruzione di un parcheggio interrato. E che negli anni è finito per porre l’accento sulla progettazione di attività altre, come quella di una centro commerciale, fino ad arrivare nelle aule di tribunale.

La prima tappa risale al 2002, quando l’allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi aveva nominato il sindaco di Catania commissario straordinario per il traffico e l’emergenza sismica. Fu allora che Umberto Scapagnini, con 850 milioni di euro a disposizione e l’incarico per applicare misure straordinarie, mise a punto un progetto che prevedeva la realizzazione di nove parcheggi interrati, tra cui quello di Piazza Europa, da affiancare agli scambiatori in periferia in project financing. Iniziato nel 2005, il parcheggio è stato sequestrato dalla magistratura catanese nel 2007 al seguito dell’avvio di un procedimento penale per accertare la legittimità nella creazione delle botteghe all’interno di quattro dei nove parcheggi previsti. Da allora i lavori riprenderanno solo nell’aprile del 2012, a concluso del processo in primo grado che ha visto l’assoluzione di Scapagnini, dei cinque dipendenti comunali all’epoca dei fatti componenti della commissione di valutazione, e dei tre imprenditori: Francesco Domenico Costanzo, Sebastiano Costanzo e Ennio Virlinzi.

Intanto, dissequestrato il cantiere, da aprile i lavori sembrano procedere in modo spedito. E, rassicurano i Virlinzi, ultimata la realizzazione, Piazza Europa acquisterà un nuovo volto. Che verrà suddiviso in tre aree: La piazza sul livello della strada, uno spazio dedicato alle attività culturali e commerciali e infine il livello interrato: l’atteso parcheggio.

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il cantiere di Piazza Europa procede senza interruzioni e una parte della nuova infrastruttura urbana verrà consegnata entro la prossima primavera. Intanto il Comune e i privati imprenditori presentano il progetto alla città. Uno spazio dedicato al verde pubblico e agli scambi culturali, con aree dedicate ad attività didattiche e commerciali. Ma per sanare l'emergenza traffico c'è ancora da attendere. Il parcheggio interrato sarà pronto tra almeno 10 mesi

Il cantiere di Piazza Europa procede senza interruzioni e una parte della nuova infrastruttura urbana verrà consegnata entro la prossima primavera. Intanto il Comune e i privati imprenditori presentano il progetto alla città. Uno spazio dedicato al verde pubblico e agli scambi culturali, con aree dedicate ad attività didattiche e commerciali. Ma per sanare l'emergenza traffico c'è ancora da attendere. Il parcheggio interrato sarà pronto tra almeno 10 mesi

Il cantiere di Piazza Europa procede senza interruzioni e una parte della nuova infrastruttura urbana verrà consegnata entro la prossima primavera. Intanto il Comune e i privati imprenditori presentano il progetto alla città. Uno spazio dedicato al verde pubblico e agli scambi culturali, con aree dedicate ad attività didattiche e commerciali. Ma per sanare l'emergenza traffico c'è ancora da attendere. Il parcheggio interrato sarà pronto tra almeno 10 mesi

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]