Messina, in giunta Accorinti un iscritto al Pd «Chiediamo scusa per gli errori commessi»

Accorinti 2.0. Così il sindaco di Messina ha definito il minirimpasto di giunta ufficializzato oggi in conferenza stampa. Come da indiscrezioni, lasciano la poltrona l’assessore alla cultura Tonino Perna e l’assessore alla Pubblica istruzione Patrizia Panarello. Se il primo ha scelto di essere presente in conferenza, per poter ringraziare quanti hanno collaborato con lui da novembre 2013, la seconda non si è fatta vedere. Perna cercava di andarsene via da ottobre, come lui stesso ha ironizzato, per vari motivi anche di salute. Per Panarello, invece, è stata una doccia fredda. 

Da parte sua Accorinti ha più volte ripetuto che l’esperienza della sua amministrazione è fondata sullo spirito di servizio. «Sono stati i giorni più difficili e complicati di questi due anni – ha spiegato – ma abbiamo l’umiltà di chiedere scusa per gli errori commessi e di raddrizzare la rotta». La novità della giornata è la conferma, contro ogni pronostico, del discusso assessore Guido Signorino. Che tuttavia cede la carica di vicesindaco a Gaetano Cacciola e la delega al Bilancio a Luca Eller Vainicher, che ufficialmente rappresenta l’ingresso dei partiti nella squadra di Accorinti: Vainicher, infatti, è iscritto al circolo Pd di Sesto Fiorentino.

Su Signorino, Accorinti ha tenuto a specificare: «Ho chiesto io a Guido di restare, lui mi aveva consegnato le sue deleghe e aveva fatto un passo indietro perché per tutti noi è importante il bene della città – ha affermato –. Ma so che può ancora fare bene, per questo gli ho dato al delega allo Sviluppo economico». Respinte anche le voci circa presunte fratture interne alla giunta che avrebbero inciso nella scelta di revocare le deleghe all’ormai ex assessore al Bilancio: «Non si tratta di bocciature, ma di sostituzioni per dare nuovo impulso alla squadra di assessori. Dopo il cambio degli assessori procederemo con quello dei dirigenti amministrativi. Cambieremo tutto».

Il rimpasto in giunta non piace però ai consiglieri comunali che hanno espresso parere negativo su una mossa giudicata tardiva e poco risolutiva. «Il tempo ci dirà se questo rimpasto porterà a risultati concreti in una amministrazione che di concreto fino ad oggi ha prodotto ben poco», ha dichiarato la capogruppo di Ncd Daniela Faranda. Critica anche Elvira Amata (Dr): «Ci piacerebbe comprendere cosa potrebbe cambiare sostituendo Ursino con Perna, quando sappiamo benissimo che per l’assessorato alla Cultura il nodo cruciale è stata la cronica mancanza di fondi». Da parte di Franco Mondello (Udc) un invito ad Accorinti a motivare le scelte davanti al consiglio: «Ci aspettiamo che il sindaco venga a spiegare le motivazioni che hanno portato a sostituire gli assessori Perna e Panarello e a togliere la delega al bilancio a Signorino. Siamo stanchi di apprendere le notizie dalla stampa».

C’è poi chi sottolinea l’ingresso di esponenti del Partito democratico e dei Democratici riformisti in giunta: «L’epoca della giunta dal basso è finita», ha dichiarato Pippo Trischitta di Forza Italia. Dello stesso avviso Nina Lo Presti del Gruppo Misto. «Quando a chiedere il rimpasto siamo stati noi consiglieri – spiega – Accorinti rispose sarcasticamente che al massimo si rimpasta la pizza, ma la sua giunta non si toccava». Non mancano le parole di solidarietà verso Signorino: «È stato il perno su cui ha ruotato tutta l’amministrazione, sconfessare il suo operato equivale ad ammettere di aver fallito», attacca Daniele Zuccarello di Grande Sud. Voce fuori dal coro quella della consigliera di Cambiamo Messina dal Basso Lucy Fenech. «Cambiano gli uomini ma l’obiettivo resta sempre uguale: fare il bene della città e dei cittadini. E farlo sempre meglio».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]