Che fine ha fatto la riforma dei consorzi di bonifica? Una «svolta epocale» che non lo è stata e per ora non lo sarà

Quando si parla di riforma dei consorzi di bonifica viene in mente subito una nota trasmessa da palazzo d’Orleans nel 2019 che parlava, parole dell’allora presidente della Regione Nello Musumeci, di «una riforma epocale che in Sicilia pone fine, dopo 24 anni, al calvario dei Consorzi di bonifica che in passato, a conti fatti, invece di erogare acqua sono stati capaci soltanto di recapitare bollette salate agli agricoltori». In realtà l’annuncio in questione, nonostante l’entusiasmo, parlava del fatto che il testo preparato dalla maggioranza dell’epoca era stato esitato in commissione Attività produttive, sarebbe poi dovuto passare al vaglio della commissione Bilancio e infine essere votato dall’Assemblea regionale siciliana. E sui banchi dell’Ars quella riforma ci è pure arrivata, anche se totalmente smontata e rimontata nottetempo. Fatica sprecata, alla fine niente svolta epocale. Del governo Musumeci per quanto riguarda i consorzi di bonifica, si ricorda solo la gigantesca opportunità persa con i 61 progetti presentati dai consorzi per catalizzare i fondi del Pnrr, cestinati in blocco, con relativa perdita immane di risorse.

Passano gli anni e i governi. Questa volta la palla ce l’ha Renato Schifani, che della sua di riforma fa un caposaldo dell’azione di governo. E la nota stampa, corredata da foto sorridente dell’ormai ex assessore all’Agricoltura Luca Sammartino che mostrava la futura mappa delle competenze territoriali dei consorzi, ridotti drasticamente nel numero e da parole più caute, ma non meno giubilanti: «È una riforma attesa da tutti gli agricoltori – diceva Sammartino – frutto del lavoro certosino e competente degli uffici dell’assessorato, che abbiamo condiviso con i rappresentanti delle categorie produttive, delle associazioni, dei sindacati, in una logica inclusiva e di confronto indispensabile. Il testo di legge non ha un approccio ideologico, ma pragmatico: deve garantire regolarità ed efficienza del servizio». Anche in quel caso la riforma aveva appena superato lo scoglio della commissione Attività produttive, ma stavolta, arrivata in commissione Bilancio l’11 ottobre del 2023, scompare dai radar, mentre i giorni diventano settimane, le settimane mesi e la Sicilia sprofonda in una delle peggiori crisi idriche di sempre.

Il motivo? Una questione di soldi. Tanti soldi. Il punto è che la riforma attualmente parcheggiata in commissione Bilancio prevede il totale riordino dei consorzi, che dovrebbero passare da 13 a quattro. Non si era tuttavia considerato che gli attuali 13 consorzi, che sono commissariati ininterrottamente dal 1992 – giusto per avere un’idea del tempo che passa, quando i deputati regionali Ismaele La Vardera, Calogero Leanza e Martina Ardizzone non erano ancora nemmeno nati e il presidente dell’Assemblea Gaetano Galvagno aveva appena sette anni – nel frattempo hanno accumulato, chi più, chi meno, una quantità di debiti che supera di gran lunga i cento milioni di euro, che non saranno certo cancellati con la creazione di quattro nuove entità pronte a cominciare il lavoro da zero. Per non parlare poi di tutto il personale che con la riduzione degli enti andrebbe quanto meno redistribuito. Nodi per cui si aspettava con ansia la Finanziaria, approvata a inizio gennaio lasciando tuttavia la situazione immutata. Di certo c’è che pure la maggioranza, che ancora oggi continua a dirsi «coesa sulla bontà del testo della riforma», oltre che «consapevole dell’urgenza di questa riforma», comincia a crederci un po’ meno.

Sul fronte della Democrazia cristiana, giusto per citare qualche esempio, sarebbero pronti diversi emendamenti al testo. Un testo su cui ora, con gli agricoltori sul piede di guerra, anche su questo fronte, visto che come spiega il deputato del Partito democratico Tiziano Spada: «Ci sono agricoltori che stanno ricevendo pignoramenti e fermi amministrativi. Che pur non avendo utilizzato un litro d’acqua sono costretti a pagare più di 20mila euro nei confronti del consorzio di bonifica». Intanto la situazione degli invasi non accenna a migliorare, l’ultimo rapporto dell’autorità di Bacino, aggiornato ad aprile, parla di dighe ancora a secco, alcune con una diminuzione del livello delle acque che oscilla tra il 50 e l’80 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E in Assemblea, nel frattempo, si pensa a stravolgere il testo della riforma e cominciare – ancora una volta – tutto da capo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]