Le parole della mamma che ha ucciso la figlia: «Non volevo soffrisse come me, ho pensato di toglierci la vita insieme»

«Sentivo che la mia vita era finita. Ero entrata in un tunnel in cui vedevo tutto nero. Pensavo al suicidio e mi sono chiesta: “Ma mia figlia con chi resta?“. La vedevo soffrire e ho creduto che, forse, sarebbe stato meglio che tutte e due ci togliessimo la vita insieme». Si dichiara colpevole Martina Patti, la 24enne imputata per avere ucciso la figlia di quattro anni Elena Del Pozzo, a Mascalucia nel giugno del 2022, e per averne occultato il cadavere, dopo avere inscenato il rapimento da parte di un commando armato. Aveva già reso delle dichiarazioni spontanee durante una precedente udienza del processo, ma oggi ha deciso di sottoporsi all’interrogatorio. «Una scelta sofferta e a lungo valutata», ci tiene a precisare l’avvocato Tommaso Tamburino che la difende insieme al collega Gabriele Celesti. Poco più di due ore, dense di racconti, di dolorosi ricordi, di lacrime. È la prima volta che parla di suicidio. «Non stavo bene e volevo togliermi la vita», ribadisce Patti che, proprio alcuni giorni prima aveva cercato online informazioni sulle conseguenze di bere la candeggina.

L’«accumulo di cose negative» dietro l’infanticidio

«Ho temuto che mia figlia, che era la mia vita, iniziasse a soffrire come me – continua la 24enne tentando di spiegare i motivi dietro al suo gesto rispondendo alle domande dei pubblici ministeri e degli avvocati delle parti – Mi faceva domande a cui non sapevo rispondere: “Perché papà non è più con noi? Perché non ci vuole più bene?”». A portare Martina Patti dentro quel tunnel buio, come lei stessa ha dichiarato, sarebbero state «tante cose negative che erano successe, un accumulo»: la fine della relazione con il padre di sua figlia, la crisi con un ragazzo che da poco aveva iniziato a frequentare e anche la bocciatura a un esame all’Università. «Mi sentivo un fallimento in tutto. Adesso – ha aggiunto – sono ancora incredula e non mi capacito di quello che ho fatto, ma non c’è un momento in cui non ci pensi. È una cosa che non si può perdonare e chiedere scusa non serve. So – continua con la voce rotta dal pianto – che come soffro io, soffrono anche suo padre e i suoi nonni».

La ricostruzione del giorno del delitto

Martina Patti inizia il suo racconto del 13 giugno del 2022 dal momento in cui suona la sveglia a casa dei suoi genitori. «Esco e vado a prendere dei libri per studiare nell’appartamento a Mascalucia dove non vivevo più – prosegue le 24enne – Lì mi sentivo sola, quella casa era piena di ricordi belli e brutti». Si cambia e scende per andare a fare jogging. «In giardino, vedo la casetta degli attrezzi di mio zio. Ricordo di avere preso una pala e un altro strumento simile e di averli messi in macchina». Porta gli attrezzi in uno slargo non lontano e va a correre. «Ho notato che erano a vista e li ho nascosti». Finita l’attività fisica, pranza con la madre. Elena è al grest dove l’hanno accompagnata i familiari del padre a casa dei quali aveva dormito la notte precedente. Mentre pranza, riceve una chiamata da una collega dell’università che la informa che sono stati pubblicati i risultati di un esame: «Non lo avevo passato. Mi metto a piangere perché per me era un ennesimo fallimento». Intanto, è già ora di andare a prendere la figlia. «Ci corriamo incontro e ci abbracciamo – dice piangendo – Durante il tragitto la vedevo strana: “Mamma, sono arrabbiata. Non ho dormito con papà perché c’era la sua fidanzata. Non mi vuole più bene, non ci vuole più bene”», le avrebbe detto la bambina angustiata. Con la promessa di portarla a giocare in una ludoteca il pomeriggio, tornano a casa. La bimba mangia un budino e guarda i cartoni animati mentre lei stira. «La guardavo e pensavo a quello che mi aveva detto: non vedevo via d’uscita alla sofferenza mia e sua». Nell’appartamento restano per circa un’ora e mezza. Poi escono.

«Ho scavato la fossa con le mani»

«Mi sono fermata, a un certo punto, sulle scale – continua il racconto di Patti – Sono tornata in casa e sono entrata in cucina; velocemente, ho preso un coltello e dei sacchetti di plastica e li ho messi nella borsa. Ero confusa». Salgono in auto, quando arriva davanti allo slargo dove aveva lasciato gli utensili, scendono. «L’ho presa in braccio e siamo arrivate in quel terreno incolto. Ho scavato la fossa con le mani – dichiara la donna – I sacchi di plastica (quelli dentro cui il cadavere è stato ritrovato, ndr) li ho portati con me ma non so se li ho usati. Ricordo di averla colpita ma non se le ho fatto del male. Lei urlava, poi l’ho chiamata per nome ma non mi rispondeva. Il coltello l’ho lanciato per disperazione. Improvvisamente, mi ricordo del sangue e che non c’era nessuno accanto a me». A questo punto, la 24enne torna a casa e si lava. «Ho pensato – aggiunge – che se avessi fatto la stessa cosa, non ci avrebbero mai trovate». Da qui iniziano le confuse telefonate all’ex e al padre in cui riesce solo a piangere e urlare il nome di sua figlia.

«Mi sono resa conto di avere ucciso mia figlia»

«Durante il tragitto da casa mia verso quella dei miei genitori mi sono resa conto di avere ucciso la bambina, la persona che amavo di più al mondo, e di essere sola. Non mi capacitavo di come fosse successo – dichiara la donna – Ho pensato: “Ora come glielo devo dire?”, avevo paura». Così, in quella decina di minuti di strada in auto, Patti costruire il finto rapimento. «Mi è venuto in mente – aggiunge – di collegare il rapimento a ciò che era successo, qualche mese prima, al mio ex». Un biglietto di minacce recapitato nella buca delle lettere legato a una rapina per cui Alessandro Del Pozzo era stato accusato e poi assolto. La sceneggiata del rapimento viene ribadita in caserma dove verrà smentita dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza. «Quando mi chiedevano di raccontare cosa fosse successo davvero – ammette – dicevo di lasciarmi stare perché avevo mal di testa. Dentro di me soffrivo del fatto di non potere esprimere quello che realmente era accaduto». Solo in mattinata arriverà la confessione al padre: «Elena non c’è più. Sono stata io. Non mi vorrà bene più nessuno»”.

«Mia figlia era la mia vita»

«Ho amato questa bambina fin dal primo momento, da quando ho scoperto di essere incinta. Era la mia vita», dice Martina Patti che, durante il suo interrogatorio, ha raccontato di essere stata sempre lei a prendersene cura, a portarla dal pediatra, a ricoverarsi in ospedale con lei per un’otite, a pensare a tutto quello di cui aveva bisogno. «Senza di lei non andavo da nessuna parte, solo all’università – aggiunge – ma mi informavo continuamente. Ero una mamma-amica: giocavo sempre insieme a lei e spesso la tenevo in braccio anche mentre facevo le faccende di casa o cucinavo. Dormivamo pure insieme», aggiunge la donna. «In carcere non faccio nulla – dice facendo accenno alla sua vita dietro le sbarre – Guardo le foto di mia figlia e soffro. Non riesco a fare nient’altro». Finora, la giovane donna non ha mai preso parte a nessuna attività e ha pure abbandonato gli studi universitari.

Il «fallimento» del rapporto con il padre della bambina

«C’erano sempre litigi con Alessandro e non potevo parlarne nemmeno con i miei genitori perché non lo accettavano. Mi ero chiusa in me stessa». Un rapporto turbolento in cui ci sarebbero stati anche diversi episodi di violenza verbale e fisica. «Mi urlava, mi alzava le mani, mi ha dato schiaffi e anche colpi di manganello sulle ginocchia. Sfinita da tutto questo – aggiunge – l’ho anche denunciato». Una querela che, poco dopo, viene ritirata. «Era pur sempre il padre di mia figlia e poi sia lui che i suoi continuavano a spingermi a farlo perché lui aveva già problemi con la giustizia». Una relazione che Del Pozzo decide interrompere definitivamente nell’aprile del 2022. «Ero consapevole che era meglio se finiva – ammette Patti – ma lo vedevo come un fallimento per quanto avevo investito per creare questa famiglia, mettendomi contro i miei genitori e privandomi di tante cose». Dal gruppo di amiche alla presenza sui social.

«Ho capito che il problema è la bambina»

Ed è proprio dal ritorno sui sociaI che, i primi di maggio, Martina Patti ritrova su Instagram un vecchio amico, Francesco Nicosia. «Ci siamo incontrati, e abbiamo iniziato a uscire insieme – racconta – Mi piaceva perché mi rassicurava, mi dava le attenzioni che non avevo mai avuto». Ai loro appuntamenti, qualche volta, c’è anche la bambina. «Lui una sera è venuto a casa a portare delle caramelle per Elena che era felice e gli ha chiesto di restare per guardare insieme la tv» ricorda la donna. Improvvisamente, nelle ultime settimane prima dell’infanticidio, qualcosa cambia. «Era freddo e distante con me – ricostruire Patti – Già vedevo un altro fallimento e volevo capire quale fosse il problema, ho chiesto se dipendesse dalla bambina ma lui mi ha sempre negato tranquillizzandomi». Il giorno prima del delitto i due si scambiano moltissimi messaggi. A iniziare la conversazione è Martina Patti: «Ho capito che il problema è la bambina. Non lei, però il contesto». Nicosia risponde che non c’è niente da capire: «Ho sbagliato a non pensarci prima. Quella cosa che uscivamo solo noi non mi faceva pensare a questa situazione. Ma più andiamo avanti e più il peso aumenta». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]