Dalla zia paterna di Elena un retroscena sul finto rapimento «Un riferimento a biglietto con minacce rivolte a mio fratello»

«Io credo che lei non sopportasse questa bambina: aveva il cognome di mio fratello, l’avevo battezzata io ed era molto affezionata a noi». Martina Vanessa Del Pozzo, la sorella del papà di Elena parla così di Martina Patti, la madre 24enne della bambina che ha confessato di avere ucciso la figlia che tra un mese avrebbe compiuto cinque anni ma non ha ancora chiarito come. Era stata lei a denunciare il rapimento della bambina da parte di un commando armato e, dopo un lungo interrogatorio andato avanti per tutta la notte, a indicare il luogo non lontano dalla loro casa di Mascalucia. Una fosse scavata in un terreno incolto, distante una settantina di metri dalla strada. «Quando mio papà mi ha detto che i sospetti degli inquirenti si stavano concentrando su Martina – riferisce la zia paterna a MeridioNews – non ci potevo credere. Ho pensato, piuttosto, che questa vicenda così come era stata raccontata da lei potesse avere a che fare con la storia della rapina in cui era stato ingiustamente coinvolto mio fratello». 

Il 24enne Alessandro Del Pozzo, nel 2020, è stato arrestato con l’accusa di essere stato il secondo rapinatore, insieme a un amico, di una gioielleria di via Umberto a Catania. «Si era trattato di un caso di ingiustizia – dice la sorella – e lo abbiamo dimostrato tramite due avvocati anche con una perizia antropometrica e l’analisi delle telecamere di sorveglianza della zona». Un coinvolgimento nel reato di Del Pozzo che, finora, non era mai stato smentito. «Per questo, in un primo momento, ho ipotizzato potesse trattarsi di una vendetta legata a quella storia». Un sospetto che alla zia della bambina sarebbe nato da una frase che la madre ha riportato come se le fosse stata rivolta da quei sequestratori tirati in ballo nella prima versione dei fatti ricostruita nella denuncia. «Ha detto che quegli uomini incappucciati, puntandole contro un’arma, le avrebbero detto: “Non ti è bastato il biglietto? Tuo marito questa è l’ultima cosa che fa: a tua figlia la trovi morta”». Il biglietto a cui si fa riferimento, per la sorella del padre della bambina, sarebbe quello «con delle minacce che mio fratello aveva trovato nella buca delle lettere di casa nostra quando era passato dal carcere ai domiciliari – chiarisce la donna – A questo punto, io credo che Martina lo abbia detto per incolpare mio fratello di questa cosa. Durante la giornata di ieri – aggiunge – i familiari di lei continuavano a dire ad ad Alessandro: “Se c’entri tu o questo biglietto, per favore, parla”». 

I rapporti tra i genitori di Elena, che non si erano mai sposati ma la cui relazione era finita già da tempo, sarebbero stati buoni almeno in apparenza. Due vite che erano andate avanti: una nuova compagna per lui, catanese ma conosciuta in Germania durante un periodo trascorso da un amico; e un nuovo compagno anche per lei. Una figlia in comune ma affidata alla madre. «Lei era sempre infastidita quando ci doveva lasciare mia nipote – riferisce Martina Vanessa Del Pozzo – e lo faceva soprattutto per convenienza sua, quando voleva uscire a fare serata, ma noi accettavamo sempre volentieri». Tra le due cognate, invece, i rapporti erano più tesi. «È sempre stata strana e distaccata con me». Eppure, Martina aveva trascorso a casa dei genitori del compagno tutto il periodo della gravidanza. La mamma dell’ex compagno l’ha descritta come «strana e fredda, non mostrava affetto, non era empatica».

Le due cognate avevano qualcosa in comune, oltre al rapporto di parentela acquisita. «Io sono medica e lei era una studentessa di scienze infermieristiche, la aiutavo a studiare sempre ogni materia. Ma lei non sopportava né me e né mia madre, era sempre invidiosa. Con la bambina aveva pazienza, anche se – sottolinea la zia – ci sono stati degli episodi strani: come quella volta che Elena aveva rotto il cancelletto e lei l’ha ammazzata di botte». Un episodio di cui la donna dice di avere conservato anche delle foto di una gamba e dei glutei della bambina tutti arrossati. «In base alle lesioni, ho pensato fossero i segni di manate molto forti. Ma abbiamo pensato che non avesse avuto senso denunciare perché non avremmo ottenuto nulla. Ora di questo mi pento». La zia della bambina ha poi raccontato di due diversi episodi legati a degli animali. «Oltre a quando aveva picchiato mia nipote, non mi era piaciuto nemmeno come si era comportata con il pappagallo Cocorita. E adesso tenevo che anche il coniglio facesse la stessa fine». Un animale di compagnia che Elena aveva voluto con l’intenzione di chiamarlo Sara, come la nonna paterna. «La madre invece lo aveva comprato maschio e così lo avevano chiamato Saro. Avevo l’impressione che non sopportasse nemmeno quel coniglio». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]