Licata, lite tra due donne in strada. Colpi di bastone contro una quarantenne e la sua auto

Colpi di bastone contro una quarantenne, che è finita in ospedale, e contro la sua auto. Così una donna di Licata ha risolto le sue divergenze con una coetanea ufficialmente per una questione di viabilità, ma che probabilmente covava da tempo per altri motivi. La lite è avvenuta in pieno centro e alla presenza di altre persone. Inizialmente c’è stata una discussione, veemente ma verbale. Poi una delle due ha afferrato un bastone e s’è scagliata contro l’altra, colpendola alla testa.

La donna ferita è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale San Giacomo d’Altopasso dove i medici le hanno diagnosticato un trauma cranico. La rivale, ormai preda dell’ira, si è scagliata con il bastone anche contro la macchina della rivale danneggiandola. Sul posto si sono immediatamente precipitati i poliziotti del commissariato cittadino dopo avere soccorso la donna ferita hanno poi proceduto a ricostruire cosa fosse accaduto. La quarantenne che ha picchiato la coetanea è stata identificata e dovrà rispondere delle lesioni alla donna e dei danneggiamenti alla macchina.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo