L’altro e l’altrove

La professoressa di storia della Musica, in collaborazione con lo studente Riccardo Napoli, ha programmato per giorno 10 febbraio 2005 alle ore 18,30 nell’auditorium dell’ex monastero dei benedettini, una conferenza concerto per il ciclo Portolani: “L’altro e l’altrove, quando l’altro è l’artista: un ipotesi di viaggio tra le alterità musicali”. La conferenza concerto verrà accompagnata dal quartetto d’archi formato da: Fabio Raciti, violino I. Agatino La Colla, violino II. Maurizio Longo, viola. Tiziana Cavaleri, violoncello. Le musiche saranno quelle di: di A. Corelli, F. Schubert, W. A. Mozart, R. Schumann, P. I. Cajkovskij.

Per saperne di più, abbiamo raccolto in anteprima la testimonianza dell’organizzatrice dell’evento, professoressa Emanuela Ersilia Abbadessa:

 “L’idea di questa iniziativa nasce da alcune riflessioni e da alcune coincidenze. Prima di tutto il titolo del ciclo Portolani di quest’anno “L’altro e l’altrove”. Mi sono posta il problema del nostro rapporto con “l’altro” quando l’altro è un artista (un musicista nella fattispecie) che dunque, possedendo un “talento” non comune, ci pone di fronte alla disamina della sua individualità attraverso il messaggio sonoro che, non essendo semantico, di rado rivela a tutti la vera “essenza” dell’autore. Poi è successo che le riflessioni fatte nel corso delle lezioni e del Laboratorio, mi abbiano stimolata ad un’ulteriore ricerca sul genio e, dunque, su un”alterità” che, a volte, diventa una vera e propria patologia che genera un disagio psichico. La “buona occasione” è stata invece rappresentata dalla generosa offerta del quartetto d’archi di Fabio Raciti che voleva “fare” qualcosa insieme a me e che si è reso disponibile a titolo assolutamente gratuito. Su queste premesse ho imbastito una conferenza-concerto dal carattere sostanzialmente divulgativo per trattare la tematica di cui ti ho detto. La conferenza vedrà impegnati, insieme ai membri del quartetto d’archi ed a me, anche un mio studente, Riccardo Napoli. L’idea di coinvolgerlo m’è venuta perché volevo creare un “movimento” timbrico: dunque, io esporrò il testo e a Riccardo il compito di leggerci le testimonianze dei musicisti che tratteremo. Nel frattempo, scorreranno delle diapositive con testi ed immagini che renderanno spero più piacevole quest’ipotesi di viaggio nell’alterità del musicista; la cosa prenderà il via da una sorta di paragone con i “geni sregolati” del mondo delle arti figurative. Il titolo l’ ho tratto dall’incipit del Testamento di Heilingenstadt di Beethoven, una pagina drammatica e molto calzante per il nostro discorso. Nella fattispecie, analizzerò più profondamente i casi di Schubert, Mozart, Schumann, Berlioz e Cajkowskij. Agli altri, ovviamente per non annoiare il pubblico, saranno riservati solo brevi accenni. La cosa non occuperà più di un’ora e mezza circa e credo che potrà anche risultare abbastanza divertente (nonostante le tematiche trattate). “

L’idea di discutere di artisti classici, deriva dalla necessità di smitizzare artisti che spesso vengono snobbati da un pubblico giovane, perché ritenuti lontani dal loro “universo musicale”. Purtroppo spesso si ignora che quei geni di cui tanto sentiamo parlare, erano molto più simili a noi di quanto soltanto potessimo immaginare. Un tentativo di “umanizzazione” del genio in tutte le sfaccettature di una vita quotidiana “normale”. Un idea geniale di conciliare l’aspetto “storico-musicale” con quello “umano”.

Spesso, troppo spesso sentiamo dire che la facoltà non organizza mai nulla di interessante; un occasione in più per smentire queste dicerie.

Per leggere la presentazione dell’evento clicca qui


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]