Incendio Scopello, focolai spenti ma l’attenzione resta alta Sindaco: «Più roghi simultanei, è stato un attacco mirato»

Sono stati spenti alle prime luci dell’alba gli ultimi focolai sul Scopello, il borgo evacuato ieri sera per motivi di sicurezza. La preoccupazione iniziale per la riserva dello Zingaro è rientrata. Ieri le fiamme alimentate dal forte vento di scirocco hanno minacciato turisti e residenti

Oggi il sindaco Nicola Rizzo, giunto sul posto in serata con l’assessore Vincenzo Abate, traccia un primo bilancio. «Occorre ancora fare una ricognizione mirata ma sono circa cento gli ettari di macchia mediterranea andati in fumo – dichiara il primo cittadino -. Ferite visibili ad occhio nudo che condanniamo fermamente poiché parlano di un attacco programmato, in considerazione del forte vento di scirocco, e mirato poiché i roghi sono partiti da più punti impervi, almeno cinque, e il nostro territorio non è stato il solo a essere interessato da imponenti incendi. Il danno è stato limitato grazie all’unità di crisi che ha lavorato ininterrottamente. Dopo l’amarezza – afferma Rizzo – occorre la reazione: Castellammare oggi si rialza e torna a lavorare per ridare sicurezza ai luoghi colpiti».

Imponente il dispiegamento di uomini e mezzi per cercare di circoscrivere al massimo l’incendio di ieri, nonostante gli altri incendi che hanno devastato altre zone della Sicilia. Squadre di vigili del fuoco e della forestale hanno lavorato incessantemente per limitare i danni e mettere in sicurezza tutti gli abitanti. Danni al territorio, ma anche all’economia. Molti turisti infatti hanno abbandonato le strutture ricettive utilizzando i taxi. I ristoranti sono stato costretti alla chiusura per la fuga di tutti i clienti. «Abbiamo cercato di tranquillizzare i nostri ospiti, ma molti sono andati via molto spaventati – spiega un albergatore -. Non è certo la prima volta che succede qualcosa di simile». «In pochi minuti l’aria è diventata irrespirabile e molti turisti hanno annullato l’ordinazione e sono andati via – commenta un ristoratore di Scopello – altri hanno pagato frettolosamente quello che avevano consumato e sono scappati. In pochi secondi la sala si è svuotata, poco dopo l’ordine di evacuazione e la chiusura delle attività».

La matrice dolosa dell’incendio sembra certa. Il rogo infatti è partito da più punti: dalla zona di Visicari, si è poi propagato nelle aree circostanti, cioè Piano Vignazzi, Levrieri, Sarmuci, Costa Maiorca fino a lambire il bosco di Scopello e arrivare dietro torre Bennistra, quasi a toccare il borgo di Scopello. Alle prime luci dell’alba di oggi gli ultimi focolai sono stati spenti con l’intervento di un canadair ed un elicottero della forestale. 

«L’ultimo focolaio su pizzo Varile, il punto più alto che sovrasta il bosco di Scopello, è stato spento questa mattina alle ore 9 – chiarisce il sindaco -. A presidiare i luoghi ci sono ancora delle squadre di operai forestali e protezione civile per eventuali riprese del fuoco tra le zone bruciate e quelle bonificate. L’attenzione rimane alta poiché anche questa giornata è molto calda».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]