Il bene confiscato diventa una casa per ragazzi autistici Cucina, giardinaggio, teatro. «L’obiettivo è il dopo di noi»

All’ingresso si legge «Benvenuti a casa nostra». Poche parole ma significative. La casa in questione è il nuovo centro diurno per disabili psichici e autistici finanziato con fondi regionali
dell’Assessorato alle Politiche sociali, che da oggi aprirà i battenti in un bene confiscato alla mafia a Castellammare del Golfo.  

«Per noi rappresenta molto, un obiettivo raggiunto dopo tanti anni di richieste e sacrifici – spiega a Meridionews Giuseppe Caleca, presidente dell’associazione Sos Autismo che gestirà il bene per 15 anni – All’interno verrà favorito un percorso di inserimento lavorativo per questi ragazzi che altrimenti non avrebbero altre possibilità, imparando un mestiere e coltivando passioni». Le attività verranno svolte grazie alle convenzioni con istituti scolastici, il Corpo Forestale dello Stato e diverse associazioni locali. «Il nostro – continua Caleca – sarà il primo centro diurno in provincia di Trapani aperto tutti i giorni e coprirà l’intero distretto sanitario che comprende Alcamo, Castellammare e Calatafimi». In cantiere c’è l’apertura di un’altra struttura simile a Trapani. «L’obiettivo è garantire un futuro a questi ragazzi, il cosiddetto Dopo di noi, che è anche il nome del nostro progetto». 

La legge sul Dopo di noi, approvata il 14 giugno 2016, prevede disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno famigliare. «Rappresenta una vera conquista di civiltà per il nostro Paese – sottolinea – soprattutto per le famiglie. Il nostro obiettivo è alleggerire il carico familiare nelle ore diurne e stimolare le capacità di chi ha perso o è prossimo a perdere i riferimenti familiari». 

Un lavoro sinergico tra enti Locali e associazioni di volontariato ha permesso di restituire alla collettività un bene confiscato all’ingegnere Salvatore Palazzolo, ritenuto in affari con la mafia nelle speculazioni edilizie negli anni ’80. L’immobile, confiscato prima di essere ultimato, era rimasto un rudere, stessa sorte toccata a un secondo immobile adiacente, anch’esso confiscato e dal 2013 diventato un centro di aggregazione giovanile gestito dall’associazione Castello Libero Onlus in partnership con Libera e gli scout. Quella nei confronti di Palazzolo è stata una delle prime confische nel territorio trapanese, in seguito all’approvazione della legge Rognoni-La Torre del 1982. I due immobili però vennero assegnati al Comune soltanto nel 2010. 

Nella struttura lavoreranno figure professionali – operatori socio assistenziali, psichiatri, infermieri – e semplici volontari, ma soprattutto un ruolo fondamentale sarà svolto dalle famiglie. «Quando i ragazzi escono dal circuito scolastico si rischia l’isolamento. – spiega Mariella Marraccino, volontaria intenta negli ultimi preparativi prima dell’apertura – Stiamo arredando la struttura in sinergia con i ragazzi e le famiglie, per farli sentire realmente a casa loro. In questi giorni sono si sono divertiti a piantare alberi di carrube, piante e fiori. Sentiamo tutti l’aria di casa». 

Gli ospiti del centro avranno la possibilità di cucinare, di svolgere laboratori di musica, teatro, giardinaggio. Partiranno subito con un progetto ortoterapia e teatroterapia, ed è in cantiere anche la pet therapy. «Questa è vita, non sopravvivenza. Qui ognuno potrà coltivare le proprie passioni, in famiglia, in armonia e soprattutto in totale autonomia».  

In cucina si preparano i biscotti, in giardino si sistemano le piante di rosmarino, il roseto, le ginestre e il mirto. «Noi insegnanti siamo più emozionate di loro – ammette Franca Barone che si occupa del laboratorio teatrale – Stiamo preparando anche piccolo spettacolo in memoria della strage di Capaci». Il centro infatti prenderà il nome della magistrata Francesca Morvillo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]