Concerto neomelodico, parla il cugino dell’estorsore «Prima Comune e polizia mi hanno sempre autorizzato»

«La vera realtà dei fatti è che l’unico organizzatore di quel concerto neomelodico sono io». A parlare a Meridionews è Tony Urso, cantante neomelodico e organizzatore di eventi, nonché cugino di Concetto Garofalo, appartenente al clan Bottaro-Attanasio e nel frattempo tornato in carcere, comparso nella locandina come organizzatore della serata di sabato 3 settembre nel campetto sportivo della parrocchia Bosco Minniti di Siracusa, su cui indaga la polizia.

Eppure nella locandina il nome di Concetto Garofalo, insieme a quello del figlio Sebastiano, entrambi condannati per il reato di estorsione, era bene in evidenza e anche sui social network lo stesso Urso invitava alcuni amici a partecipare alla serata «organizzata da Tony Urso e Concetto Garofalo».

«Ho messo il nome di mio cugino Concetto nella locandina senza che lui sapesse niente, così tanto per farlo felice perché so che a lui piacciono le canzoni neomelodiche – spiega Urso – e, sinceramente, non credevo che potesse fare tutto questo scalpore né creare tutti questi problemi». L’evento è stato comunque pubblicizzato su Facebook da un’agenzia siracusana, la P.M. eventi, che si occupa di spettacoli simili e che, per lo scorso lunedì 5 settembre, ha anche organizzato la festa per il 50esimo compleanno del titolare, Pietro Mauro, durante la quale si è esibito anche lo stesso Urso, sempre al campo sportivo della parrocchia Bosco Minniti.

«Avevo fatto richiesta al Comune – racconta il cantante neomelodico – per fare lo spettacolo di giorno 3 al campo sportivo di via Lazio e, convinto che mi avrebbero dato l’autorizzazione come era accaduto tutte le altre volte, avevo anche già fatto fare le locandine. Invece, non so perché, non me l’hanno accettata e, quindi, tre giorni prima dell’evento, ho dovuto cambiare location e allora ho pensato che l’unico posto in alternativa poteva essere la parrocchia di Bosco Minniti. Da padre Carlo – afferma Urso – ci sono andato io di persona per chiedergli i locali e lui si è reso disponibile, anche perché ci conosciamo visto che io abito a due passi dalla parrocchia».

Tony Urso – che ha 38 anni, sei figli ed è già anche nonno di due nipoti – svolge questo lavoro da più di cinque anni. «Non ho mai avuto problemi – racconta – perché sono sempre andato al Comune e alla polizia a chiedere le autorizzazioni per fare tutto in regola, pagando anche la Siae». Così sarebbe avvenuto anche circa quattro mesi fa, quando Urso sostiene di aver organizzato una serata gratuita di musica neomelodica, in cui era lui stesso a esibirsi come cantante, proprio sotto casa del cugino Concetto Garofalo che era già ai domiciliari. «Allora mi chiedo – dice Urso – in quel caso che io avevo tutte le autorizzazioni in regola, non era boss mio cugino?». Dall’assessorato allo Spettacolo comunicano di non essere a conoscenza di quanto riferisce Urso, perché le autorizzazioni vengono date dagli uffici tecnici. E nessuna verifica è stata fatta in tal senso in questi giorni.

Il concerto del 3 settembre, arrivato alla ribalta nazionale, costava 15 euro e ha visto esibirsi non solo il rapper palermitano Daniele De Martino, autore di una canzone dedicata a un violento rapinatore, ma i cantanti neomelodici siracusani Graziano Calvo, Luciano Bottaro, lo stesso Tony Urso e Mirko Mormile, il 28enne siracusano cantautore neomelodico autore del singolo Cavadonna, una canzone che ha per titolo il nome del carcere siracusano e che, per oltre nove minuti racconta la storia di due gruppi criminali in lotta per il monopolio del pizzo da chiedere ai commercianti locali.

«Comunque – conclude Urso – se tornassi indietro, il nome di mio cugino su quella locandina, con il cuore nelle mani, dico che lo rimetterei anche se forse ci penserei di più visto tutto quello che sta succedendo».


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]