Catania-Roma (con biglietto di ritorno)

Donatella Finocchiaro, miglior attrice protagonista con “Galantuomini” al recente Festival di Roma, ritorna a Catania, sua città natale, per lo spettacolo “Un bellissimo Novembre”. Lo fa con piacere, per la bella sintonia che si è creata con il maestro e con gli attori, suoi amici ritrovati. Ma anche perché con la sua città Donatella ha un rapporto particolare.
 
Cominciamo dal lavoro di attrice: come è iniziata questa tua avventura?
“Ho cominciato quando andavo all’università, per due anni mi dividevo tra lo studio e la passione per il teatro. E presto ho avuto delle conferme da gente del settore che sosteneva che ero brava; se non fosse stato per loro, io non ci avrei mai pensato a svolgere questa professione, abbandonando la carriera da avvocato. Per me il laboratorio teatrale era come andare in palestra, anche se ovviamente nasceva da un bisogno di spiritualità e svago, abituata com’ero agli ambienti chiusi e un po’ soffocanti delle aule del tribunale”.
 
Sei poi riuscita a laurearti?
A meno tre esami e tesi, decisi di andare a Torino suscitando l’irritazione di mio padre che voleva che facessi l’avvocato. Poi partecipai al provino a Roma all’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico. Passai le prime due selezioni, fatto che per me fu un’altra grande conferma. Comunque sì, mi laureai, ma subito dopo iniziai a frequentare la scuola di teatro qui allo Stabile”.
 
Al Festival di Roma sei stata eletta migliore attrice protagonista con Galantuomini. Cosa ne pensi della tua carriera cinematografica?
“Riconosco di aver avuto la fortuna di entrare nel cinema dalla porta principale, ricevendo subito la parte della protagonista, e anche un bel ruolo, nel film “Angela” di Roberta Torre. La consacrazione c’è stata da parte della critica e del pubblico, con questo premio ancor di più, lo ammetto. Ma soprattutto sono contenta della stima ricevuta da parte dei registi”.
 
Inoltre hai sempre avuto l’intuizione di non sprecarti, scegliendo registi cult come Bellocchio o giovani esordienti con pretesa autoriale…
Sicuramente non è un caso, ho avuto anche altre proposte. Non è una questione di snobismo, ma di sentirsi in sintonia con quello che si fa”.
 
Comunque hai debuttato in teatro ed oggi sei tornata a calcare le scene. Quale dei due mezzi preferisci tu, teatro o cinema?
“Si tratta di due modi di comunicare completamente diversi, già dal modo di impostare la voce. Io ho cercato di vivere i due mondi in simbiosi, cioè portando al cinema quello che si fa a teatro e viceversa. Il teatro ti insegna l’importanza della parola, di non buttar via nemmeno un attimo perché bisogna gustare ogni battuta, mentre al cinema si impara che bisogna portare in scena la verità”.
 
Dove vivi e ti senti a casa?
“Io vivo a Catania. Dopo una settimana che sto a Roma, mi dico sempre che me ne devo tornare al sud! È così da sempre, ma la devo superare. Vorrei prendere casa nella capitale per un anno o due, una pazzia che devo fare per rompere questo cordone ombelicale che mi lega in maniera viscerale alle pendici dell’Etna. Questo attaccamento alla mia terra mi impedisce tante cose, nonostante io abbia continuato a ricevere proposte anche a Trecastagni, il che è un gran privilegio, lo riconosco”.
 
Qual è il tuo rapporto con la nostra città?
“Da sempre è stato un rapporto di odio e amore, come per tutti i catanesi. Sin da ragazzina volevo scappare, poi ci tornavo per riandarmene nuovamente via. Sarà questo mare meraviglioso o il fuoco del vulcano o il fatto che a dicembre abbiamo ancora 20 gradi, so solo che dopo tre mesi mi manca da morire la mia città”.
 
Pensi che Catania possa “risorgere”, che ci siano le energie perché ciò avvenga?
“Ognuno fa quello che può, io sono tornata per fare questo spettacolo. Io credo nella nostra città e nelle sue potenzialità. Di certo ha i suoi problemi, ma è popolata da gente che ama la cultura e capisce, ed è stanca di farsi prendere in giro. È necessaria una democrazia che non abbia i suoi tornaconti”.
 
Raccontaci la Donatella mondana…
“Frequento il Nevsky tutte le sere, perché mi trovo bene e si mangia anche meglio. Vado spesso a mangiare biologico da Haiku o sushi al ristorante giapponese lì vicino. Inoltre, bazzico al Barrique e al wine bar per l’aperitivo, poi trovo sempre parecchi amici al Centro Zo e al Majazè”.
 
E se chiudi gli occhi, dove vedi collocata la Donatella adolescente?
“Da adolescente ho i ricordi di piazza Teatro Massimo Bellini con gli amici, o ancora piazza Ogninella. Vivevo fino in fondo la movida catanese a vent’anni e quasi tutte le sere si andava a ballare al Divina al Macintosh o all’Empire”.
 
Quindi tra i giovani là fuori potrebbe esserci un grande attore o una talentuosa attrice. Che consiglio daresti loro?
“Una prima soluzione sarebbe frequentare una scuola di teatro; ma non l’unica, perché purtroppo in queste spesso si tende ad uniformare gli stili, clonando gli allievi. Piuttosto, io consiglierei i laboratori che ti indirizzano a ciò che ti appartiene davvero, con persone che tu stimi e ti insegnano le tecniche della recitazione”.
 
Quali sono i tuoi progetti futuri?
“Fino a marzo sarò in tournée a teatro con “l’Istruttoria” per la regia di Fava e Bruschetta in tante città d’Italia. Per quanto riguarda il cinema, per adesso sto vagliando delle proposte, perché a Trecastagni ancora mi arriva la posta!”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Donatella Finocchiaro, protagonista in teatro di "Un bellissimo novembre" e attrice di cinema premiata al Festival di Roma, ci parla del suo lavoro e del rapporto con la sua città. Un rapporto di amore-odio che alla fine crea una specie di dipendenza-"Un bellissimo novembre", forse un po' troppo indolente-Donatella Finocchiaro ai Benedettini, ospite del medialab (gennaio 2007)

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]