Calcio Catania, Pietro Lo Monaco rimosso dal CdA Giuseppe Di Natale nuovo amministratore delegato

La novità, nell’aria già da tempo, è stata ufficializzata questa mattina. Il Calcio Catania, tramite una nota diramata qualche ora fa, ha annunciato un cambiamento importante all’interno del Consiglio d’amministrazione. Pietro Lo Monaco, dimissionario ormai da più di due mesi, è stato sostituito da Giuseppe Di Natale nel ruolo di amministratore delegato. L’esperto dirigente di Torre Annunziata continua comunque a operare all’interno del club nelle vesti di Direttore generale: è stato ancora lui, ad esempio, a orchestrare un calciomercato invernale caratterizzato dalla cessione di alcuni tra i giocatori più rappresentativi, allo scopo di alleggerire le esangui casse societarie. 

Il nuovo organigramma del CdA rossazzurro vede dunque Davide Franco nelle vesti di presidente, mentre l’avvocato Giuseppe Gitto è il suo vice. Di Natale diventa come detto nuovo a.d., con Giuseppe Davide Caruso e il patron Antonino Pulvirenti che agiscono nelle vesti di consiglieri. «Al nominato amministratore delegato – recita il comunicato del club di via Magenta – spetterà, tra l’altro, il compito di elaborare un piano strategico finalizzato al superamento dell’attuale fase, nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi societari e sportivi. Nei prossimi giorni verrà altresì nominato il nuovo organo amministrativo di Calcio Catania Servizi». 

La nomina di Di Natale è legata a doppio filo a quella precedente di Caruso. Entrambi, infatti, si erano occupati (dal 2015 al 2018) della gestione del Cara Mineo per conto dello Stato: una nomina figlia dello scandalo Mafia capitale e delle successive indagini relative all’assegnazione dei servizi all’interno del Centro d’accoglienza per richiedenti asilo. Si tratta dunque, in entrambi i casi, di personalità di spicco, esperte nel navigare a vista in situazioni di emergenza. Il compito si prospetta comunque gravoso: l’attuale proprietà, attraverso questa scelta (e stando a quanto comunicato oggi) pare voler strutturare una sorta di exit strategy per risollevarsi dalle attuali sabbie mobili. Sullo sfondo resta la possibile trattativa da avviare con l’ormai famigerato Comitato promotore.

Le evidenze bancarie sono state consegnate dai diretti interessati dieci giorni fa: lecito attendersi che il nuovo Consiglio d’amministrazione possa accelerare i tempi anche in tal senso. Tutto rimane comunque ancora fumoso e poco chiaro: le uniche certezze riguardano le amare considerazioni di Cristiano Lucarelli dopo l’ennesimo ko rimediato col Monopoli. Parole che fanno comprendere come un’accelerazione sia necessaria. «Oggi (ieri, ndr) è finito un sogno e comincia la realtà. Non vedo situazioni o persone che vogliono darci una mano. Il giudizio sui ragazzi – ribadisce il tecnico –  non può non essere condizionato dall’atmosfera e dall’ambiente: non posso rimproverar loro nulla. Non abbandono la barca: finché mi è permesso la porto in fondo, sapendo che ho poca collaborazione. Speriamo di riuscire a salvare la squadra». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]