Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, nuova archiviazione per Carola Rackete
Giudice: «Quello di Tripoli non è un porto sicuro»

La decisione della comandante della Sea Watch, che a giugno di due anni fa decise di entrare nelle acque italiane e poi sbarcare a Lampedusa nonostante il diniego del governo, fu una scelta dettata dall'esigenza di mettere in salvo le persone salvate in mare

Redazione

Quello di Tripoli non poteva essere considerato un porto sicuro. Ciò che per molti era un fatto incontestabile, alla luce della situazione geopolitica nel paese nordafricano, adesso è stato messo nero su bianco dal tribunale di Agrigento: la scelta di Carola Rackete, la comandante della Sea Watch, di soccorrere i migranti alla deriva nel Mediterraneo, nell'estate 2019, rispondeva soltanto all'obbligo di salvataggio in mare. Questo il punto fermo attorno a cui ruota il decreto di archiviazione firmato dalla giudice per le indagini preliminari Micaela Raimondo, in merito ai fatti accaduti al largo e dentro il porto di Lampedusa. Già ad aprile la posizione di Rackete era stata archiviata in merito all'accusa di avere speronato la motovedetta della finanza che si trovava vicino alla banchina del porto siciliano.

A chiedere l'archiviazione del nuovo procedimento sono stati il procuratore aggiunto Salvatore Vella e il pm Cecilia Baravelli. Al centro dell'indagine la decisione di entrare nelle acque territoriali italiane, nonostante l'ordine della finanza di ritornare in acque internazionali. A bordo della Sea Watch c'erano 53 persone. «(Rackete, ndr) ha agito - si legge nel decreto di archiviazione il gip - nell'adempimento del dovere perché non si poteva considerare luogo sicuro il porto di Tripoli. La condotta risulta scriminata dalla causa di giustificazione». La giudice, facendo riferimento a un report dell'Alto commissariato per le Nazioni Unite, ha sottolineato che «migliaia di richiedenti asilo, rifugiati e migranti in Libia versano in condizione di detenzione arbitraria e sono sottoposti a torture».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×