Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Denise Pipitone, la giudice ha archiviato l'indagine
Tra gli indagati Anna Corona e due coniugi romani

La gip di Marsala ha accolto la richiesta della procura in merito al procedimento sulla sparizione della bambina avvenuta a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, l'1 settembre del 2004 

Marta Silvestre

La gip di Marsala Sara Quittino, accogliendo la richiesta della procura, ha archiviato l'indagine sulla scomparsa di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo (Trapani) l'1 settembre del 2004. Per la vicenda, gli indagati erano quattro tra cui l'ex moglie del padre biologico di Denise, Anna Corona, che rispondeva di sequestro di persona come Giuseppe Della Chiave; mentre di false informazioni al pubblico ministero sono invece accusati i due coniugi romani Paolo Erba e Antonella Allegrini. Tutti e due avrebbero raccontato di avere visto la bimba affacciata da una porta vicino alla reception dell'hotel Ruggero II (quello dove all'epoca lavorava Corona) e di avere sentito la frase "Ma proprio qui la dovevi portare?". La procura ha accertato che questo racconto, arrivato a 17 anni di distanza, è falso

Poco meno di un mese fa, la giudice per le indagini preliminari si era riservata di decidere sulla richiesta di archiviazione che era stata presentata dalla procura di Marsala a settembre dopo che, in primavera, le indagini erano state riaperte. All'istanza si era opposta - rispetto alla posizione di Anna Corona - la mamma della bimba, Piera Maggio tramite il suo legale Giacomo Frazzitta. Al centro del dibattito le intercettazioni sui cui i periti hanno fornito versioni diverse tra loro. Poche ore fa era stata la madre della bambina a scrivere sul profilo pubblico su Facebook un post pieno di speranza: «A Natale, un bel regalo che potreste fare a Denise sono la verità e la giustizia».

Intanto, per giovedì prossimo è in programma la prima udienza del processo in cui è indagata per false dichiarazioni al pubblico ministero l'ex pm di Marsala Maria Angioni, la magistrata che per prima indagò sulla scomparsa di Denise Pipitone, che adesso è giudice del lavoro a Sassari (in Sardegna). Era stata lei a parlare pubblicamente di depistaggio dell'inchiesta di 17 anni fa sulla scomparsa della bambina, di connivenze delle forze dell'ordine e di falle gravissime negli accertamenti svolti all'epoca. Convocata dalla procura, Angioni aveva confermato le accuse lanciate in tv. Le circostanze riferite dall'ex pm, su cui i colleghi marsalesi hanno indagato per settimane, però, non hanno trovato nessun riscontro

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×