Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Prete indagato per abusi sceglie rito abbreviato
«Dimostreremo la nostra tesi davanti ai giudici»

Il sacerdote Giuseppe Rugolo è accusato di violenza sessuale aggravata a danni di minori e, al momento, si trova ai domiciliari dopo essere stato arrestato ad aprile. Le indagini della squadra mobile sono partite dopo la denuncia di un ragazzo oggi 28enne

Redazione

Foto di: Silvia Perucchetti

Foto di: Silvia Perucchetti

Ha scelto di essere giudicato con il rito ordinario Giuseppe Rugolo, il sacerdote di Enna arrestato il 27 aprile scorso a Ferrara (in Emilia Romagna) con l'accusa di violenza sessuale aggravata a danni di minori che, al momento, si trova agli arresti domiciliari. «Abbiamo optato per questo rito perché questo ci darà l'opportunità di dimostrare la nostra tesi davanti ai giudici», spiegano gli avvocati difensori del prete, Denis Lovison e Antonino Lizio, allo scadere dei termini del rito immediato stabilito dalla procura di Enna. Il processo si aprirà a ottobre.

Le indagini della squadra mobile ennese sono partite dopo la denuncia di un ragazzo, oggi 28enne ma che all'epoca dei fatti aveva 16 anni e frequentava la chiesa di San Giovanni Battista. Erano stati i genitori della vittima a denunciare, inoltre, che «la diocesi ci offrì dei soldi della Caritas in cambio di una clausola di riservatezza e del silenzio di nostro figlio». 

Una dichiarazione a cui il vescovo di Piazza Armerina Rosario Gisana, dopo essere stato sentito in procura come persona informata sui fatti, ha risposto sostenendo che, invece, proprio dalla famiglia sarebbe arrivata una richiesta di denaro. «Già nel 2017, durante il primo incontro, madre e padre fanno presente di dovere affrontare ingenti spese per il percorso psicologico del figlio e chiedono una mano». I legali che rappresentano il vescovo, spiegano che la richiesta sarebbe stata di «25mila euro a titolo di risarcimento dei danni da consegnare in contanti tramite un intermediario». Cifra e modalità su cui non sarebbe stato trovato l'accordo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×