Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Scieri, ministero della Difesa responsabile civile
No a richiesta dell'associazione di essere parte civile

«Faticosamente, dopo 21 anni, stiamo arrivando alla verità», commenta Isabella Guarino la mamma del parà siracusano trovato morto all'interno della caserma Gamerra di Pisa nell'agosto del 1999. L'udienza è stata rinviata al prossimo 18 settembre

Marta Silvestre

Il ministero della Difesa sarà responsabile civile nell'udienza preliminare davanti al Gup militare di Roma nel procedimento sulla morte del parà siracusano Emanuele Scieri, morto il 13 agosto del 1999 nella caserma Gamerra di Pisa. «È una decisione che ci soddisfa - commenta la mamma Isabella Guarino - perché non ritenevamo giusto che tutto venisse insabbiato: faticosamente dopo 21 anni stiamo arrivando alla verità». Il dicastero, però, avrà un doppio ruolo: è stato ammesso, infatti, anche come parte civile, insieme alla madre e al fratello Francesco. Rigettata invece la richiesta da parte dell'associazione Giustizia per Lele

La decisione, arrivata dopo circa cinque ore di  udienza preliminare, di non accogliere l'istanza degli amici di Emanuele è stata dovuta al fatto che l'associazione è nata dopo la morte dell'avvocato 26enne. Del resto, il 10 settembre del 1999, nasce «come organo di ricerca della verità sulle cause della sua morte - ha ricordato il presidente Carlo Garozzo riportando le parole dello statuto costitutivo - nonché come centro propulsore di qualunque iniziativa lecita possibile volta a rendere giustizia al giovane Lele, individuando le responsabilità della sua tragica fine e assicurando gli eventuali colpevoli alla giustizia». Farlo prima che Emanuele morisse sarebbe stato, come minimo, impossibile. «Sono deluso e amareggiato - ha affermato Garozzo - Abbiamo sognato per 21 anni un’aula di tribunale dove far valere il nostro motto Giustizia per Lele. Incassato il colpo, non ci fermiamo e mai lo faremo. Abbiamo le spalle forti e la schiena dritta - ha aggiunto - sappiamo guardare avanti forti di quello che mai nessuno ci leverà: la forza di Emanuele Scieri».

Il gup del tribunale militare di Roma Francesca Frattarolo ha fissato il rinvio dell’udienza al prossimo 18 settembre. Durante le cinque ore di udienza preliminare di oggi erano presenti anche i tre ex caporali accusati di concorso in violenza a inferiore mediante omicidio pluriaggravato. Si tratta del 41enne Andrea Antico originario di Casarano (Lecce) e ora in servizio presso il settimo Reggimento Aves (Aviazione dell'esercito) di Rimini; del 41enne Alessandro Panella residente a San Diego (in California) ma domiciliato a Cerveteri (Roma); e del 43enne Luigi Zabara - nato in Belgio e residente a Castro dei Volsci (Frosinone).

Tutti e tre sono parallelamente  indagati anche dalla procura ordinaria di Pisa che, lo scorso 15 giugno, ha comunicato la chiusura delle indagini. Nei loro confronti i pm toscani contestano il reato di omicidio volontario, mentre per i due ex ufficiali della Folgore, il generale Enrico Celentano e l'allora aiutante maggiore della Gamerra Salvatore Ramondia l'accusa è di favoreggiamento. Non è ancora stata affrontata la questione per definire a quelle delle due giurisdizioni - militare o ordinaria - appartenga il reato. Se non si risolve, il nodo potrebbe essere sciolto dalla Cassazione.

Leggi il dossier di MeridioNews su Lele Scieri

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews