Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, confiscato il patrimonio di Rosario Marchese
Affari milionari al Nord grazie a Stidda e Cosa nostra

Il provvedimento è stato emesso dal tribunale di Caltanissetta e conferma in toto il sequestro dello scorso anno. Sigilli posti dalla Dia in più parti d'Italia. Il 34enne siciliano ha ricevuto la notifica nel carcere di Opera a Milano

Simone Olivelli

La storia imprenditoriale di Rosario Marchese sembra essere arrivata al capolinea. Il tribunale di Caltanissetta ha ordinato la confisca dell'intero patrimonio - 15 milioni di euro - del 34enne nativo di Caltagirone, con radici a Gela e da qualche anno stabile al Nord, dove si era imposto in brevissimo tempo come uomo d'affari. A porre i sigilli ai beni sono stati gli uomini della Dia di Caltanissetta, che sul conto di Marchese hanno indagato a fondo portando alla luce la sproporzione tra il piccolo impero creato quasi dal nulla e i redditi dichiarati al fisco dal commercialista siciliano. La formula magica per gli investigatori sarebbe stata sempre la stessa: legami a doppio filo con la criminalità organizzata. Nel caso di Marchese la vicinanza ai clan si sarebbe manifestata tanto con Cosa nostra che con la Stidda.

Al professionista il provvedimento è stato notificato nel carcere di Opera, a Milano, dove si trova rinchiuso in seguito all'ultimo arresto per associazione mafiosa. Nonostante l'età, Marchese nell'ultimo decennio è finito sotto la lente di diverse procure. Inchieste che lo hanno coinvolto con le accuse più disparate: dall'associazione alla truffa, dalle indebiti compensazioni alla bancarotta fraudolenta. Residente da tempo a Brescia, Marchese nel Nord Italia era riuscito ad aprire una serie di società, alcune delle quali capaci anche di ottenere visibilità all'interno dell'aeroporto di Verona o nel mondo delle corse automobilistiche. Tra le sue creature, anche la Marchese Group, holding con uffici virtuali in via Montenapoleone

Una dimostrazione di potere che passava anche per l'uso di auto di lusso e il possesso di un'opera d'arte milionaria, ma che in fin dei conti non ha mai reciso i collegamenti con la Sicilia. Come scoperto da MeridioNews a marzo dell'anno scorso, Marchese si era affidato a numerosi conterranei per portare avanti le attività della propria holding. Sul sito della società, poi oscurato, campeggiavano le foto e i nomi di numerosi pregiudicati, per l'occasione immortalati in giacca e cravatta. Lo scorso autunno, Marchese è stato arrestato nell'operazione Leonessa coordinata della Direzione distrettuale antimafia di Brescia. Nelle carte dell'inchiesta sono ricostruiti i rapporti che Marchese avrebbe intrattenuto con il bresciano Gianfranco Casassa: i due avrebbero collaborato alla creazione e successiva cessione di crediti d'imposta inesistenti. Tra i contatti di Casassa, secondo gli inquirenti, ci sarebbe stato anche un uomo legato ai servizi segreti che avrebbe effettuato accessi abusivi al sistema informatico per verificare l'esistenza di indagini a carico di Marchese. 

A essere confiscate, oltre la holding, sono state undici società e due ditte individuali attive nei settori della consulenza amministrativa, finanziaria e aziendale, del marketing, del noleggio di mezzi, del commercio all'ingrosso e al dettaglio di prodotti petroliferi ma anche di studi medici specialistici e della fabbricazione di apparecchiature per l'illuminazione. Confiscati anche una flotta di auto di lusso, un dipinto del XVII secolo, cinque beni immobili e cinquanta rapporti bancari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews