Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«L'ho uccisa perché mi ha infettato», ma tamponi negativi
Dubbi sullo strano tentato suicidio del giovane infermiere

Il 27enne ha confessato di aver ucciso la compagna Lorena Quaranta, studentessa all'ultimo anno di Medicina a Messina. Ma la sua folle motivazione non trova riscontri. Emerge che prima di strangolarla l'ha ferita all'addome

Simona Arena

Si trova al carcere di Gazzi in attesa della convalida del fermo Antonio De Pace, l’infermiere 27enne che ieri ha strangolato Lorena Quaranta, nell’abitazione che condividevano in via delle Mimose a Furci Siculo. «L’ho uccisa perché mi aveva trasmesso il coronavirus». È quanto avrebbe detto a caldo al magistrato, spiegando così il suo gesto. Ma gli investigatori della procura di Messina, che hanno aperto un’inchiesta, non hanno creduto alle parole del 27enne. Hanno comunque eseguito i tamponi sui due ragazzi ed entrambi sono risultati negativi al Covid-19. 

Resta quindi da capire cosa sia successo alle 4 di ieri mattina nell’appartamento che i due condividevano da settembre, quando dopo tre anni di fidanzamento erano andati a vivere insieme. Avevano scelto di affittare una casa a Furci Siculo per venire incontro alle esigenze lavorative di Antonio che è infermiere e che nel piccolo comune ionico esercita la sua professione. Lorena viaggiava per recarsi all’università dove frequentava l’ultimo anno di Medicina. Una coppia felice e affiatata. Così la descrivono gli amici. Nessun segnale che potesse lasciar pensare al tragico epilogo.

Nei confronti di Antonio De Pace l’accusa formulata dal sostituto procuratore Roberto Conte è quella di omicidio volontario. Gli investigatori non crederebbero nemmeno al tentativo di suicidio del ragazzo, che ha chiamato il 112 diverse ore dopo l’omicidio. Ha detto di aver ucciso la sua ragazza e ha chiesto l’intervento dei carabineri. Il corpo di Lorena è stato portato all’obitorio del policlinico di Messina. Qui la medica Daniela Speranza dovrà eseguire l’autopsia per accertare la cause della morte. Sembrerebbe che prima di strangolarla, De Pace l’avrebbe ferita all’addome con un coltello

Il magistrato ha interrogato per tutto il pomeriggio e la serata di ieri il ragazzo, tornato nella caserma dei carabinieri di Santa Teresa a mezzogiorno dopo essere stato portato al Policlinico di Messina per medicare le ferite ai polsi che si è procurato con una lametta. Davanti al sostituto procuratore, assistito dal suo avvocato, ha confessato di aver ucciso Lorena. Ad occuparsi delle indagini sono i carabinieri che hanno sequestrato i telefoni cellulari dei due ragazzi. Pare abbiano escluso che possa essersi trattato di un reato passionale. Si cerca di capire se la convivenza forzata, dettata dalle prescrizioni governative imposte per il contenimento del coronavirus, possa aver avuto un ruolo in questa tragedia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews