Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Furci Siculo, chi era la ragazza uccisa dal fidanzato
Gli amici: «Non ci ha mai parlato di problemi con lui»

Il ricordo di Lorena Quaranta, la 27enne strangolata oggi nell'appartamento che da settembre condivideva con Antonio De Pace, passa per i colleghi di università. «Eravamo quella famiglia che si viene a creare quando si è fuori sede»

Simona Arena

«Era una forza della natura che sapeva districarsi tra studio, casa e amici». A parlare di Lorena Quaranta, la 27enne strangolata stamattina dal fidanzato Antonio De Pace, con il quale conviveva, sono gli amici. «Eravamo quella famiglia che si viene a creare quando si è fuori sede - raccontano - Lorena e Antonio stavano insieme da tre anni, erano una coppia affiatata, non ci spieghiamo perché sia successa una cosa simile». 

Lei era originaria di Favara, era iscritta all’ultimo anno di Medicina all'università di Messina. L'omicida, invece, è originario di Vibo Valentia, in Calabria. De Pace è infermiere e si occupava di malati non ospedalizzati per conto dell’Adi, assistenza domiciliare integrata, di Furci Siculo. Quest’anno era riuscito a superare i test di ingresso e si era iscritto ad Odontoiatria. A settembre erano andati a vivere insieme in una appartamento al terzo piano di una villetta della località della costiera ionica. 

«La sentivamo spesso, non ci ha mai raccontato di aver problemi con Antonio - proseguono - Quando lui ha preso posto a Furci Siculo, hanno deciso di andare a convivere. Lorena viaggiava per frequentare l’università. Le famiglie si conoscevano. An avano ciascuno a casa dell’altro, non riusciamo davvero a capire cosa sia successo. Non ha senso questa situazione».

A una decina di metri dalla villetta dove si è consumato il femminicidio ha sede il centro antiviolenza Al Tuo Fianco, presieduto dall’avvocata Cettina La Torre, che stamattina, appresa la notizia, si è recata subito sul posto. «Siamo davvero sconcertati da quanto successo», commenta. In questi giorni il tema della violenza sulle donne, in un contesto particolare come quello che si sta vivendo per via delle restrizioni agli spostamenti imposte dall'emergenza Coronaviurs, è tornato al centro dell'attenzione. Anche se è ancora presto per dire se il momento attuale possa avere inciso in ciò che è accaduto questa mattina. «Ultimamente abbiamo notato che le richieste di aiuto giunte al nostro centro sono diminuite - rivela La Torre -. Chi vive una situazione di violenza a casa deve sapere che la nostra attività continua eche possiamo sempre aiutare chi ne ha bisogno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews