Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, torna da Milano e gira un video nella movida
Denunciata per non aver rispettato obbligo di quarantena

Una giovane proveniente dalla Lombardia e una da Roma (non zona rossa) si sono riprese in un video diventato virale. Denunciate entrambe per procurato allarme, una per violazione dell'ordinanza. Salgono a 11mila i fuorisede di ritorno registrati. Guarda il video

Redazione

«Io vengo dalla zona rossa, da Milano. E tu da dove vieni?». «Io vengo direttamente da Roma». «E ci troviamo nella triste Agrigento». Una ragazza, tornata nei giorni scorsi dal capoluogo lombardo, ha diffuso una storia su Instagram, un video con le frasi riportate sopra realizzato in un locale del centro della città dei Templi, rimarcando la violazione dell'obbligo della quarantena. Sono state identificate e denunciate dalla polizia per procurato allarme e, quella proveniente da Milano, per violazione delle disposizioni dell'autorità per contenere il rischio di contagio da Covid-19.

«È circolato sui social un video - comunica la Questura di agrigento - nel quale due ragazze, facendosi riprendere in una piazza della movida agrigentina, asserivano di provenire dalle cosiddette "aree a contenimento rafforzato", mostrandosi particolarmente compiaciute e divertite per aver eluso le disposizioni impartite dalle autorità governative. In poche ore il video è diventato virale suscitando indignazione tra la comunità agrigentina. Le ragazze sono state prontamente identificate dalla sezione volanti e denunciate».

A identificarle sono stati i poliziotti: si tratta di due ragazze di 21 e 34 anni. In particolare la giovane sarebbe tornata da Milano prima che scattasse il divieto di lasciare la Lombardia. Ma anche in questo caso resta l'obbligo, dettato dall'ordinanza del governatore Nello Musumeci, di quarantena per tutti quelli che sono rientrati a partire dal 25 febbraio. Per questo è stata denunciata per inosservanza ai provvedimenti dell'autorità.

«Già ieri sera - ha spiegato il sindaco di Agrigento Lillo Firetto - ero venuto in possesso di questo video, diventato virale, e lo avevo trasmesso alla cabina di regia del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica». Le due ragazze, in poche ore, sono state oggetto di violenti attacchi social. Sulla vicenda interviene anche il legale di una delle due ragazze, la più giovane: «La mia assistita - spiega l'avvocato Giuseppe Scozzari all'agenzia Agi - non è stata in alcuna zona rossa né gialla, ma a Roma dove si può entrare e uscire senza alcun tipo di restrizione né obbligo di comunicare nulla. È rientrata venerdì, dopo avere convalidato un esame, usando guanti e mascherina, e ha consultato il suo medico, pur non avendo alcun obbligo di farlo, comunicando la sua presenza in città. Quanto si vede nel video è un atto di leggerezza che non giustifica il massacro social di insulti e minacce di ogni tipo e, fin da ora, diffidiamo chiunque dal continuare».

Intanto salgono a 11mila le registrazioni di fuorisede tornati in Sicilia dalle zone rosse che si sono registrati, come è d'obbligo, al portale messo a disposizione dalla Regione, Costruiresalute.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews