Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, sequestro a imprenditore dei supermercati
Giuseppe Burgio è ritenuto «socialmente pericoloso»

Il provvedimento riguarda beni immobili - tra cui un ex centro commerciale - auto, conti correnti e gioielli per un totale di nove milioni di euro. Burgio era stato già condannato per bancarotta fraudolenta

Redazione

Polizia e finanza hanno sequestrato il patrimonio dell'imprenditore agrigentino Giuseppe Burgio, 56 anni, già condannato in primo grado a otto anni per bancarotta fraudolenta a seguito dell'operazione Discount. Il provvedimento emesso dal Tribunale Misure di prevenzione di Agrigento, su proposta del questore, riguarda diversi beni immobili - tra cui un ex centro commerciale - auto, conti correnti e gioielli per un totale di circa nove milioni di euro. 

Secondo gli inquirenti, l'imprenditore, molto noto nell'Agrigentino nel settore della distribuzione alimentare è «socialmente pericoloso» perché «indiziato del reato di intestazione fittizia di beni al fine di agevolare il delitto di riciclaggio». 

Burgio era stato arrestato nell'ottobre del 2016 con l'accusa di bancarotta fraudolenta. Avrebbe creato danni ai creditori per circa 50 milioni di euro e distrazioni per 13 milioni. A marzo del 2017 aveva subito un primo sequestro di 16,5 milioni di euro, cioè il patrimonio immobiliare della società Hopaf srl con sede a Porto Empedocle, di cui era amministratore.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×