Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti, in un Comune su 5 mai fatto un bando pubblico
L'Antimafia: troppi appalti diretti, verifiche sulle ditte

Sprint finale per l'indagine sul ciclo dei rifiuti in Sicilia a cui sta lavorando la commissione parlamentare guidata da Claudio Fava: la relazione permetterà di avere un quadro chiaro, Comune per Comune, della gestione della munnizza

Miriam Di Peri

Un censimento dettagliato, Comune per Comune, per fare uno screening sullo stato dell’arte della gestione dei rifiuti in Sicilia. Anche a quello punta l’indagine della Commissione regionale antimafia, guidata da Claudio Fava, che dovrebbe concludersi tra la fine di febbraio e i primi giorni di marzo prossimi. Dove conferiscono i Comuni siciliani l'umido? E il vetro? E dove finisce, invece, l'indifferenziato? Perché intere province non hanno alternative al conferimento in impianti privati, a causa di decine di cavilli che hanno bloccato la realizzazione di strutture pubbliche? Sono alcune delle domande a cui l'organismo parlamentare sta cercando di dare risposte, in un lavoro certosino che finora a livello regionale non era stato fatto. E che porterà alla redazione di un unico schema in cui per la prima volta si mette nero su bianco dove finiscono i rifiuti prodotti dai siciliani.

Un dato, dei tanti raccolti dalla Commissione che si affaccia sul Cortile della Fontana di Palazzo dei Normanni, salta agli occhi: un Comune su cinque in Sicilia non ha mai fatto una gara ad evidenza pubblica per l'affidamento della gestione dei rifiuti. In circa il 20 per cento delle città siciliane si è andati avanti di proroga in proroga. Incuria? Lungaggini burocratiche? Gare andate deserte? O, ancora, inespletate perché i partecipanti, per varie ragioni, non sono stati ritenuti idonei? O forse malafede delle amministrazioni?

Impossibile fare di tutta l'erba un fascio e dare una risposta univoca alle tante domande che scaturiscono dall'indagine sulla gestione dei rifiuti in Sicilia. Quel che è certo è che l'enorme lavoro di sintesi portato avanti dagli uffici punta anche a questo: a mettere ordine nel caos, a dare un nome alle cose o - quantomeno - una classificazione. 

Certo, alcune anomalie cominciano ad emergere, per quanto la raccolta dei dati non sia ancora stata completata. Da quanto filtra, infatti, la Commissione avrebbe riscontrato che - complessivamente - siano in tutto una dozzina all'incirca le società i cui nomi, a giro, ritornano negli affidamenti diretti. Una coincidenza anche questa? Troppo presto per dirlo, mentre i nomi delle ditte restano ancora sotto chiave. Gli unici uffici ad averli, oltre all'antimafia, sarebbero quelli delle Prefetture siciliane, a cui l'organismo parlamentare li avrebbe trasmessi proprio con l'obiettivo di verificarne l'eventuale presenza nelle white list o meno

Ci sono poi i casi limite. La Provincia di Enna è l'unica delle nove siciliane in cui i Comuni non hanno alternative di conferimento agli impianti privati. O l'emergenza organico: è emerso infatti che nel Comune di Siracusa, ma anche in moltissimi altri centri dell'Agrigentino, come Ribera, spesso non è possibile ritirare l'umido perché l'impianto di compostaggio (o gli impianti, come nel caso specifico) non riescono a smaltirlo con la necessaria velocità. Così capita ciclicamente che le amministrazioni comunali invitino i cittadini a non conferire l'umido nel giorno di ritiro settimanale assegnato. E se una famiglia media può tenere in casa il vetro, la plastica o la carta senza grandi disagi per una settimana intera, è verosimile che buona parte di quel rifiuto organico finisca in realtà nel sacchetto dell'indifferenziato. E da lì in discarica.

Quello degli impianti insufficienti è un tema che ritorna anche a proposito del vetro, ad esempio. Il meccanismo è presto detto: i singoli Comuni conferiscono alla piattaforma di riferimento, che invia le singole porzioni di rifiuto differenziato agli impianti di trattamento. Ma l'aumento della differenziata registrato nell'ultimo anno in Sicilia ha messo a dura prova le strutture, mentre all'orizzonte il piano rifiuti attende ancora il lungo iter burocratico. Così in assenza di nuovi impianti, l'unico autorizzato in Sicilia al trattamento del vetro, nel Trapanese, ha visto lievitare i conferimenti dalle 50mila tonnellate del 2018 alle 90mila registrate a ottobre 2019 (ultimo dato disponibile). Coi conseguenti disservizi che i cittadini hanno registrato nella raccolta.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews