Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scala dei Turchi, nuova chiusura dopo gli ultimi crolli
Mareamico: «Esproprio è soluzione per proteggerla»

Il provvedimento è stato preso questa mattina dal sindaco di Realmonte Calogero Zicari, e arriva a due giorni dalla riunione alla Regione voluta da Nello Musumeci. Per l'associazione ambientalista, il primo passo da fare è l'acquisizione al patrimonio pubblico

Simone Olivelli

Foto di: silvia buffa

Foto di: silvia buffa

Nuova chiusura per la Scala dei Turchi. Con un'ordinanza, stamattina, il sindaco Calogero Zicari ha deciso di interdire al pubblico l'accesso al noto sito turistico ricadente nel territorio di Realmonte, in provincia di Agrigento. Il provvedimento è motivato dall'esigenza di tutelare l'incolumità pubblica e segue i nuovi cedimenti del costone che si sono registrati nei mesi scorsi. 

La misura, al momento, è stata presa per tre mesi, fino ad aprile. Un periodo nel quale dovrebbe essere attivato un tavolo tecnico per ragionare di un tema di certo non nuovo, ovvero come intervenire in un luogo simbolo della Sicilia, che ogni anno attira tantissimi turisti, ma che a oggi resta oggetto di cedimenti che, oltre a mettere a rischio la bellezza del posto, potrebbero causare incidenti alle persone

La decisione di Zicari arriva a due giorni dall'incontro alla Regione convocato dal presidente Nello Musumeci e a cui ha preso parte, oltre ai vertici dell'assessorato al Territorio e della Protezione civile regionale, anche l'associazione Mareamico, che da tempo denuncia le condizioni in cui versa la marna. «Il presidente - si legge in una nota dell'associazione - ha capito benissimo quali sono i problemi della Scala dei Turchi: i mancati controlli dell’enorme flusso di visitatori, i rischi connessi alla pericolosità oggettiva del sito, le ricorrenti frane e la vicenda legata alla proprietà della scogliera. La Regione ha il dovere di proteggere questa bellezza paesaggistica e l’unico percorso per tutelarla dovrebbe essere quello di espropriare il bene».

L'ipotesi esproprio richiama la questione riguardante la proprietà privata del sito. La Scala dei Turchi, infatti, è della famiglia Sciabarrà. Da tempo è aperta una trattativa con il Comune per regolamentare la questione, ma al momento nulla è stato deciso. «Avendo acquisito la titolarità della scogliera si potrà proseguire con ulteriori interventi di salvaguardia e messa in sicurezza nel settore ovest, che crea le maggiori preoccupazioni - prosegue Mareamico -. Sarebbe necessario anche che la famosa scogliera possa essere iscritta tra i monumenti naturali e, come auspicano tutti, inserita tra i siti patrimonio dell’Unesco».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews