Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Odissea Milano-Catania, Flixbus lascia a piedi passeggeri
«Scaricati su una strada calabrese dopo 18 ore di viaggio»

In 120 sono partiti ieri con destinazione Catania e Messina. Ma da subito si è capito che le cose non andavano bene. Poi il ritardo accumulato e gli autisti che fermano i mezzi avendo superato il monte ore previsto. «Ci hanno detto di prendere il treno»

Salvo Catalano

«Siamo in 120, lasciati in mezzo alla strada a Vibo Valentia, anzi no, a Sant'Onofrio». Sono le 11.30 di sabato 21 dicembre. Da circa tre ore l'autobus di Flixbus partito da Milano il pomeriggio del giorno prima sarebbe dovuto essere a Catania, meta finale del viaggio. E invece i passeggeri si ritrovano a bordo strada, in un paesino della Calabria, in un clima di ovvia agitazione e rabbia, contenuta a fatica dall'arrivo dei carabinieri. 

«Non siamo partiti in orario, su un autobus che non è di Flixbus ma di quinta categoria, abbiamo accumulato tre ore di ritardo e gli autisti hanno superato il loro monte ore. Risultato? Stamattina si sono fermati a Vibo Valentia e ci hanno lasciato qui». Carla è una giovane della provincia di Catania che da undici anni vive e lavora a Milano insieme al marito. Ha comprato il biglietto di Flixbus a fine ottobre: 120 euro per tornare a casa a ridosso delle feste, con posto prenotato. «L'areo che costava meno era 440 euro andata e ritorno, improponibile», precisa, giusto per ricordare in quale contesto si inserisce la sua personale odissea, in attesa che tariffe sociali e continuità territoriale vedano la luce. 

Partenza fissata alle 14.05 da Milano. «Invece di un mezzo Flixbus con le caratteristiche descritte dal biglietto, ci siamo ritrovati due autobus che assomigliano a quelli con cui facevo le gite alle scuole medie - racconta a MeridioNews - stretti, scomodi, senza wi-fi e senza prese elettriche. Nonostante lo sconforto, siamo partiti». Rotolando verso Sud lungo l'autostrada, incontrano diversi rallentamenti, soprattutto in zona Firenze, finendo per accumulare un ritardo di tre ore già a metà del viaggio. A quel punto, stando al racconto di Carla, l'autista chiama un suo referente e dice che non potranno completare il viaggio perché stanno per superare il monte ore previsto dal contratto e dalla legge. «Anziché due autisti ne sarebbero serviti tre vista la lunghezza del percorso», sottolinea la giovane catanese. Ma quello che Carla fa ancora fatica a credere è la risposta che il referente di Flixbus avrebbe dato all'autista: «Gli ha detto di scaricarci a Roma e di prendere un treno per continuare, l'ho sentito con le mie orecchie, alle tre di notte del 20 dicembre, quando tutti i treni che vanno in Sicilia sono pieni da settimane. Poi ci avrebbero rimborsato il biglietto e via». 

Sui due autobus ci sono giovani, ma anche anziani, alcuni partiti addirittura dalla Germania, con destinazione Catania e Messina. Alle 8.30 di stamattina, all'orario in cui teoricamente si sarebbe dovuto raggiungere Catania, gli autisti hanno accostato e hanno fatto scendere i passeggeri su un'anomina strada di Vibo Valentia. «Per ore nessuno ci ha detto come avremmo dovuto proseguire - spiega Carla - siamo stati semplicemente abbandonati. Sono arrivati i carabinieri, ci hanno spiegato che potevamo presentare denuncia visto che si può configurare il reato di interruzione di servizio. Molti hanno cominciato a urlare, ad andare fuori di testa». 

Dopo circa due ore, intorno alle 10.30, è arrivato un autobus di una ditta locale che ha caricato 66 passeggeri e ha proseguito il viaggio verso la Sicilia. Un'altra cinquantina di persone è ancora lì, su un marciapiede di Sant'Onofrio in attesa di ripartire e con una sola parola sulle labbra: «Vergogna».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews