Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Manovra finanziaria, torna l'incubo dei testi collegati
Musumeci spera ancora di saltare esercizio provvisorio

Dalle parti della giunta si respirerebbe un «parziale ottimismo» sull'attesa parifica della Corte dei Conti, che arriverà il prossimo 13 dicembre. Così l'esecutivo guarda già oltre e immagina «un bilancio snello» da approvare in fretta

Miriam Di Peri

Foto di: mike palazzotto

Foto di: mike palazzotto

«I collegati? Non erano una nostra scelta, dipendono dalla normativa nazionale». Ad ammetterlo, a margine della conferenza stampa congiunta tra il governatore Nello Musumeci e il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, in visita istituzionale a Palermo, è Toto Cordaro, assessore regionale al Territorio con delega ai rapporti con l'Assemblea. Cordaro torna sulla spinosa querelle che già lo scorso settembre sancì la spaccatura tra Musumeci e Gianfranco Micciché, sulle responsabilità politiche dei collegati alla Finanziaria. Il governatore in conferenza stampa aveva parlato di volontà dell'Assemblea. Micciché, dal canto suo, aveva rispedito al mittente le responsabilità dei disegni di legge, presentati dal governo. 

Adesso Cordaro riporta la palla al centro, appellandosi alla normativa nazionale che prevede che in allegato al DEF (il documento di economia e finanza, ndr) siano indicati «gli eventuali disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica, ciascuno dei quali reca disposizioni omogenee per materia, tenendo conto delle competenze delle amministrazioni, e concorre al raggiungimento degli obiettivi programmatici».

Insomma, nonostante le polemiche, almeno un collegato alla prossima Finanziaria ci sarà. In ogni caso, dalle parti della giunta, al gran completo questa mattina a Palazzo d'Orleans per la seduta straordinaria alla presenza di Boccia, si respira un «parziale ottimismo» sull'attesa relazione di parifica, che la Corte dei Conti renderà nota il prossimo 13 dicembre. Da quel momento, com'è noto, sarà corsa contro il tempo. Intanto per esaminare e approvare i debiti fuori bilancio fermi in seconda commissione in attesa di essere esaminati, proprio per via di qualche tensione col governo. E non è l'unico caso in cui la commissione Bilancio ha manifestato il proprio disappunto rispetto all'operato dell'esecutivo. Al contrario, già sul cambio di destinazione di alcuni fondi del Patto per il Sud, la commissione Bilancio aveva fatto la voce grossa chiedendo chiarimenti. 

Ma il percorso in salita non finisce qui: sulla base delle indicazioni della magistratura contabile, infatti, bisognerà passare alle variazioni e all'assestamento di bilancio, «per arrivare a fine anno a un bilancio necessariamente snello» ammettono i vicinissimi al governatore. 

Il primo inquilino di Palazzo d'Orleans, in soldoni, punta a non ricorrere all'esercizio provvisorio, come invece annunciato nella seduta sui conti della Regione. Numeri alla mano, le perplessità su un cronoprogramma così fitto sono diverse, ma dalla giunta remano dritto: «Se c'è la volontà politica, tutto è possibile». L'espediente potrebbe essere quello di un'unica seduta di Sala d'Ercole, che potrebbe essere aperta a fine anno e sospesa (dunque non formalmente chiusa), per riprendere i lavori d'Aula già nei primi giorni del 2020. L'obiettivo in quel caso sarebbe quello di arrivare ad approvare la manovra già nelle prime settimane di gennaio, evitando - quantomeno a livello formale - il ricorso all'esercizio provvisorio. Sempre ammesso che quella «volontà politica» dalle parti degli alleati di governo in Assemblea, ci sia realmente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews