Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Debiti fuori bilancio, è tensione tra governo e Ars
«Nessun ok se l'esecutivo non viene a spiegare»

Una nuova grana rischia di incidere sui rapporti già tesi tra il governo e l'Assemblea. Si tratta di un tema che da settimane è all'ordine del giorno della commissione Bilancio. Ma i deputati chiedono l'audizione di Musumeci e Armao

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Dai crediti vantati dall'Inps alle spese di adempimento contrattuale dell'Esa, l'ente di sviluppo agricolo, fino alle missioni degli assessori regionali. C'è una pila intera di documenti stipata nelle stanze della commissione Bilancio, al piano parlamentare di Palazzo dei Normanni. Una pila di atti e tabelle da esaminare e che risponde alla voce «debiti fuori bilancio della Regione siciliana». Sta lì da settimane. E da settimane, in effetti, in ogni ordine del giorno delle sedute dell'organismo parlamentare si legge la voce «esame dei debiti fuori bilancio». 

Ma la commissione aspetta di poterne discutere alla presenza del governo o dei dirigenti generali dei dipartimenti che hanno maturato quei debiti. Al punto da avere più volte esortato verbalmente l'esecutivo ad argomentare la natura di quei debiti. Esortazioni che - nel clima di tensione generale che si respira da mesi tra il governo e l'Assemblea - si sono trasformate in vere e proprie lettere di richiamo alla Regione perché vada in Assemblea «ad argomentare» le ragioni di quella pila di scartoffie. 

La voce girava già da qualche giorno a Palazzo, ma a dare conferma è il presidente della commissione Riccardo Savona, che a domanda risponde a denti stretti: «Sì - ammette - c'è stata una corrispondenza». Alla quale hanno avuto seguito delle risposte? «No - riconosce ancora con rammarico - ad oggi non abbiamo ricevuto alcun riscontro».

Intanto la data del 13 dicembre, quando la Corte dei Conti presenterà il giudizio di parifica sull'esercizio finanziario 2018, si avvicina e la tensione è sempre più tangibile. Da quel momento sarà corsa contro il tempo per aggiustare il tiro e dare il via libera all'assestamento di bilancio, per poi incardinare in Aula i debiti fuori bilancio e procedere all'inevitabile esercizio provvisorio. Questo almeno per i primi due mesi del 2020, come ammesso a sala d'Ercole nella seduta sui conti della Regione dallo stesso governatore Nello Musumeci.  

Nel frattempo, di debiti fuori bilancio, in seconda commissione, si continua a non parlare. «Dal canto nostro - spiega ancora Savona - potremmo esaminare quei debiti su cui c'è una sentenza passata in giudicato. Laddove si è già pronunciato un magistrato, noi non possiamo che prendere atto del debito riconosciuto. Ma su tutto il resto è necessario un approfondimento. Anche perché parliamo di 20 o 30 milioni di euro, a fronte di cifre ben più significative». Ecco, le cifre. Anche in questo caso, quella pila di scartoffie non sarebbe ancora stata conteggiata con precisione, ma le voci del Palazzo sussurrano che si sfiorerebbero i 300milioni di euro. «Non ho con me le carte per poter confermare questo dato - taglia corto Savona - ma temo che non siamo molto distanti dalla realtà dei fatti».

«È come se da quei debiti - conclude il presidente della commissione Bilancio - emergesse quasi una gestione parallela. Si tratta di un'opzione che noi non possiamo accettare. Per questo è indispensabile che vengano ad argomentare».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews