Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ribera, strangolato nel centro per disabili psichici
Un altro ospite ha confessato: «Mi diceva pazzo»

Il corpo senza vita e con lividi sul collo del 75enne Gaetano La corte è stato trovato ieri mattina. Le indagini dei carabinieri hanno portato all'arresto di un 62enne che, dopo essersi allontanato dalla comunità, ha ammesso le sue responsabilità

Salvo Catalano

Il cadavere con evidenti lividi sul collo lo hanno trovato ieri mattina, sul suo letto nella comunità per disabili psichici Mondi vitali, nel centro di Ribera. I carabinieri della locale tenenza si sono accorti subito che nella morte di Gaetano La Corte, 75 anni, c'era qualcosa di anomalo per pensare a una morte naturale, come invece sostenevano nella comunità. E nella giornata di ieri hanno arrestato un altro ospite della struttura, Salvatore Italiano, 62 anni, che avrebbe confessato l'omicidio. «Mi diceva pazzo», si sarebbe giustificato coi carabinieri. 

Entrambi, vittima e presunto assassino, soffrono di disturbi psichici. La Corte era ricoverato nella struttura da oltre vent'anni e lo conoscevano tutti. Secondo quanto ricostruito dai militari, intorno alle 4 del mattino Italiano avrebbe strangolato il suo compagno di comunità. «Un'azione premeditata a causa di alcuni screzi», spiegano dalla tenenza di Ribera. Italiano non avrebbe più sopportato i continui rimbrotti della vittima. E da tempo avrebbe meditato di ucciderlo. 

Dopo averlo strangolato, si sarebbe allontanato con la scusa di andare a lavorare, avrebbe raggiunto in macchina casa di alcuni parenti, prima di essere rintracciato dai carabinieri intorno a mezzogiorno. Portato in caserma, dopo alcune ore di interrogatorio avrebbe confessato. Nonostante la riconosciuta instabilità psichica, per gli investigatori Italiano avrebbe mostrato lucidità nel susseguirsi delle sue azioni. Nelle successive fasi del procedimento si valuterà la sua capacità di intendere.

Al vaglio degli investigatori e del pubblico ministero di Sciacca, Roberta Griffo, ci sarebbero anche eventuali responsabilità omissive da parte della comunità. Ma è stato accertato che la notte del delitto nella struttura era regolarmente presente un operatore.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews